adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Future

giovedì 13 Settembre, 2012 | di Lapo Gresleri
The Future
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

INEDITO – GERMANIA/USA 2011

Dalle piccole cose ne vengono sempre di grandi
Se con Me and You and Everyone We Know Miranda July guardava a una nascente relazione sentimentale e a come potesse influenzare in maniera più o meno diretta le vite dei due amanti e delle persone attorno a loro, con The Future la regista viene a ribaltare specularmente il quadro, concentrandosi sul contesto gravitante attorno a una coppia e su come questo possa intaccare e influenzare tale legame.

Presentato a molti festival internazionali (tra cui Sundance e Berlino, dove è stato nominato all’Orso d’Oro), circolato in buona parte d’Europa, ma non ancora in Italia, il film pone sotto la lente d’analisi Sophie e Jason, trentacinquenni intenti a trascorrere in maniera distratta e passiva le proprie vite nei solchi di una banale vita di coppia, tra lezioni di danza e internet lei, telelavoro informatico lui, almeno finché non decidono di adottare un gatto randagio e malato. È proprio questo piccolo e apparentemente insignificante particolare che viene a dare una svolta decisiva alle loro rispettive vite. I due si preparano all’evento come fossero in attesa di un figlio: resisi conto dell’impegno che questa scelta richiede – mutamento delle abitudini, limitazione alla propria libertà individuale, in definitiva un ridimensionamento della rispettive vite in vista delle attenzioni di cui l’animale necessita – optano per abbandonare i rispettivi lavori e impiegare il mese necessario all’assolvimento delle pratiche burocratiche in una ricerca quasi spasmodica di un senso da dare al proprio vissuto. Se Jason si abbandona al caso, aspettando di cogliere segni e conferme da ciò che accadrà, Sophie si dedica ostinatamente e ossessivamente alla danza, in una ricerca di una propria identità e personalità da esprimere attraverso la sua arte che tanto ricorda quella di Christine nel precedente lungometraggio – interpretata sempre da July – quasi a sottolineare nell’ansia creativa e d’affermazione delle due protagoniste quella dell’autrice stessa. Le scelte di Jason e Sophie porteranno su strade diverse e, più che a trovarsi, a perdersi in incontri e situazioni devianti dal tragitto iniziale, in un tentativo di reagire a qualcosa più vicino alla morte che a un cambiamento nella loro vita di coppia. Ma “la vita è solo l’inizio” e il futuro, pur se ignoto, va affrontato con lucidità e fermezza, senza averne paura, perché cercare inutilmente di fermare il tempo attorno a un momento è un utopico atteggiamento d’immaturità, di mancanza di responsabilità nei confronti di una realtà che si vorrebbe semplicemente eludere, per continuare a perpetrare l’infantile quanto deleteria “colpevolezza dell’innocenza” pasoliniana. Girato con la stessa delicatezza di Me and You and Everyone We Know, ma caratterizzato da inserti onirici e surreali ben più marcati (il dialogo con la luna di felliniana memoria, pedinanti magliette provenienti dal passato, gatti parlanti, ecc.), il nuovo film di July segna un netto passo avanti nella sua carriera, un notevole progresso stilistico e tematico di una regista che pur con solo cinque film all’attivo (di cui tre cortometraggi), dimostra già di possedere un’identità autoriale affatto banale né scontata. Una delle punte del cinema indipendente americano, capace di leggere in profondità la realtà e il carattere della propria generazione e, di riflesso, del proprio Paese. Il futuro ne darà conferma o smentita?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly