adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Pietà

lunedì 17 Settembre, 2012 | di Massimo Padoin
Pietà
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Il prezzo del dolore
Pietà, che narra del rapporto violento e morboso tra una madre e il figlio ritrovatisi per la prima volta solo trent’anni dopo l’abbandono di quest’ultimo, è tra le opere più disperate di Kim Ki-duk.
L’assoluzione potrebbe avverarsi: i due rivivono un’infanzia tardiva passando prima però attraverso l’incesto, prova ultima che la donna è costretta a superare per dimostrare la reale appartenenza sanguigna tra i due.

Assoluzione, appunto, da una violenza perpetuata senza vincoli dal protagonista durante la riscossione di debiti, in cui la mutilazione o lo storpiamento sono viatici unici e conosciuti, da lui messi in atto con una freddezza indice principale della sua disperata esistenza, da una condizione di solitudine a cui sembra non esserci mai stato rimedio. Pietà mette al centro una violenza regolata dalla supremazia fisica rispettata e attuata gerarchicamente fino al più debole, dove l’animale diviene simbolo per eccellenza di una società che continua a sfruttare se stessa. La resa scenografica degli spazi diventa la cifra stilistica per eccellenza nel rendere il dolore fisico di un degrado esistenziale, non sono solo i vicoli nei quali si muovono i protagonisti a immergere lo spettatore in un mondo privo di sguardi liberi e sempre legati a un grigiore esistenziale impossibile da abbandonare. Sono prima di tutto gli ambienti (le metalliche saracinesche sono prigioni di dolore) e gli strumenti di lavoro (con le loro presse e tagliole) a emanare costantemente una sensazione di dolore fisico, e provocato dalle lunghe sequenze che precedono le azioni di violenza del protagonista. Nonostante questo, il dolore fisico è solamente un viatico, sopportabile, che conduce però al dolore esistenziale, vera fonte di disperazione, che contraddistingue tutti i personaggi e al quale solo con il sacrificio sembra esserci rimedio. Ciò che però sembra essere a tratti presente, è una certa compiacenza da parte del regista sudcoreano nel mettere in scena la violenza corporale, portata forse da uno svolgimento del racconto sì costruito ma a momenti meno sentito. Pietà in ogni caso è una pellicola dall’indubbia potenza visiva ed emotiva, attenuata solo in parte dai difetti, e che riesce a non cedere mai allo scandalo gratuito, donando sempre il senso profondo alle azioni dei protagonisti. Ma su questo forse nessuno aveva alcun dubbio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly