adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Atto di forza (1990)

sabato 13 Ottobre, 2012 | di Filippo Zoratti
Atto di forza (1990)
Film History
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

A PROPOSITO DEL REMAKE
Memorie totali
Nell’ormai lontano 1990 un bambino di 7 anni – rigorosamente accompagnato dai genitori – varca coscientemente per la prima volta la soglia di un cinema. Convinto di annoiarsi a morte porta con sé due numeri di Topolino, che crede – beata innocenza! – di poter amabilmente sfogliare mentre i “grandi” sono impegnati in un’attività di cui lui misconosce l’utilità.

Superato lo scetticismo iniziale (e accettata suo malgrado l’evidenza dell’assioma “al buio non si può leggere”) ciò che proverà sarà un’esperienza sconvolgente, ben oltre i confini di ciò che lui ha fino a quel momento inteso come “realtà”. Sullo schermo, abnorme e luminosissimo, prende forma la storia di un uomo ossessionato dal desiderio di visitare Marte, che per realizzare il proprio sogno si rivolge ad un’agenzia di “turismo mentale”. Nella grandiosità di azione, scenografia ed effetti speciali, la fantasia del piccolo neofita si concentra soprattutto sulle sbalorditive mutazioni fisiche degli abitanti del pianeta rosso: il corpo umano che si deforma per asfissia e decompressione, nella mancanza di ossigeno; il triplice seno di una prostituta, nel quartiere a luci rosse; la grottesca presenza scenica di un umanoide con poteri telepatici, congiunto nel ventre di un altro uomo. Immerso in una totale e irreversibile sospensione d’incredulità il ragazzino si alzerà e – fra le risate della platea – mimerà sia vocalmente che fisicamente gli spari di una mitragliatrice, durante una scena particolarmente movimentata. Al di là dell’aneddoto personale, il cui protagonista è ovviamente chi scrive, è innegabile che Atto di forza sia una delle migliori pellicole tratte dalla penna di Philip K. Dick. Tralasciando il capo d’opera Blade Runner, il film diretto da Paul Verhoeven risulta vincente ed efficace in virtù del suo sublime cortocircuito artistico: da un lato un raffinato e affascinante racconto postmodernista-cyberpunk-avantpop, dall’altro l’epopea anni ’80/’90 del “cinema del corpo”, ben rappresentata dallo scultoreo Arnold Schwarzenegger. La vertiginosa struttura a scatole cinesi orchestrata ad hoc dall’abile artigiano Verhoeven semplifica il portato filosofico-sociologico dickiano, ma non ne snatura l’indagine, imperniata sull’ambiguità fra realtà e apparenza. Se è vero che, come affermava lo stesso Dick, tutta l’esistenza è attraversata dalle due domande fondamentali “che cosa è reale?” e “che cosa è umano?”, il film riesce appieno a trasmettere (seppur giocosamente) l’ambiguità di fondo di questi due quesiti. Ma, più di tutto, centra l’imperativo morale che dovrebbe perseguire tutto il cinema di fantascienza: far dimenticare allo spettatore il mondo reale, concedendogli per un paio d’ore di scrutare con occhio vergine un nuovo possibile universo (per quanto assurdo esso sia). Come quel bambino di 7 anni che per dieci secondi ha creduto di essere sul suolo marziano, in lotta contro oscure forze nemiche.

Atto di forza [Total Recall, USA 1990] REGIA Paul Verhoeven.
CAST Arnold Schwarzenegger, Rachel Ticotin, Sharon Stone, Ronny Cox.
SCENEGGIATURA Ronald Shusett, Dan O’Bannon, Jon Povill, Gary Goldman (tratta dal racconto Ricordiamo per voi di Philip K. Dick). FOTOGRAFIA Jost Vacano. MUSICHE Jerry Goldsmith, Bruno Louchouam.
Fantascienza, durata 109 minuti.

Atto di forza (1990)
4.2 14 84.29%

2 Comments

  1. Vins says:

    Come non essere d’accordo? Ho provato le stesse emozioni in sala, a sei anni 🙂

  2. Francesco Venturini says:

    C’è chi nasce fortunato. Quando avevo sette anni (ma anche dieci) i miei genitori non mi portavano a vedere prostitute con tre tette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly