adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La frontiera dell’alba

mercoledì 17 Ottobre, 2012 | di Michele Galardini
La frontiera dell’alba
Festival
0
Facebooktwittermail

Lucca Film Festival, 1-6 ottobre 2012, Lucca

Parabola di un amore finito male
La frontière de l’aube, penultimo psicodramma di Philippe Garrel (tre anni dopo Les Amants reguliers) si apre su di un interno dove un giovane attrice, Carole (la brava Laura Smet), si sta preparando alla visita di un fotografo, François (Louis Garrel) chiacchierando con gli amici.

Carole, in realtà, è sposata con un uomo costantemente in viaggio negli Stati Uniti per lavoro ed è solo grazie a questa concessione che la storia con François può scivolare via liscia, senza che nessuno si senta in obbligo nei confronti di qualcun altro. La storia con Carole si sviluppa secondo la metafora dei tergicristalli, per cui quando una spazzola si avvicina, l’altra si allontana restando sempre alla stessa distanza. La svolta drammatica è rappresentata dal ritorno improvviso del marito di Carole: François è costretto a raccogliere in fretta e furia le sue cose, nella più classica scena da adulterio, ed esce di casa in silenzio. François, che fino a quel momento aveva teso i suoi sentimenti verso la bella attrice, si stacca progressivamente, gettando Carole in uno stato di follia che la porterà alla morte. Garrel, nel suo rigoroso bianco e nero dove la purezza dell’immagine riempie gli occhi ma rischia di sacrificare il naturalismo recitativo tanto caro al cinema francese, ci introduce ad una vicenda astratta che però non può non essere ricondotta alla sua vita amorosa, in particolare al legame con Nico, musa di Andy Warhol e voce dei Velvet Undergound. Louis Garrel rappresenta l’eredità genetica reale e il prolungamento finzionale della vita del padre sullo schermo, a partire dal tenero amour fou della prima parte del film fino alla catarsi da realismo magico della seconda, dove Carole riappare attraverso uno specchio, fantasma dell’attraversamento di Alice nel paese delle meraviglie. Il precipitare di François dentro una pazzia che appartiene solo al suo subconscio annulla qualunque componente paranormale delle apparizioni, perché Garrel è attento osservatore della realtà e dei sentimenti e non a caso si confida grande appassionato di Cesare Pavese “perché non ha mai scritto niente di paranormale”. Garrel, prima delle proiezione del film all’ultimo Lucca Film Festival ha annunciato che appenderà la sedia da regista al chiodo dopo il prossimo film. Il motivo? L’ingerenza del digitale che, proprio come successe nel passaggio dal muto al sonoro, sta fagocitando la pellicola: “sarebbe come – ha detto al pubblico – se un pittore abituato all’olio e alla tela fosse costretto ad iniziare a lavorare su plastica con i colori acrilici”. Il cambiamento è ormai nell’aria, ma come dare torto a Philippe Garrel?

La frontiera dell’alba (La frontière de l’aube, Francia 2008) REGIA Philippe Garrel.
CAST Louis Garrel, Laura Smet, Clémentine Poidatz, Olivier Massart.
SCENEGGIATURA Marc Cholodenko, Arlette Langmann. FOTOGRAFIA William Lubtchansky. MUSICHE Jean-Claude Vannier.
Drammatico, durata 106 minuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly