adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La tragedia di un uomo ridicolo

sabato 27 Ottobre, 2012 | di Francesco Grieco
La tragedia di un uomo ridicolo
Film History
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

A PROPOSITO DI BERNARDO BERTOLUCCI…

Vecchia piccola borghesia
Accompagnato dai pensieri e dalle riflessioni della voce off del piccolo industriale Primo Spaggiari, il personaggio centrale del film interpretato da un efficace Ugo Tognazzi, La tragedia di un uomo ridicolo è un’opera anomala nella filmografia di Bernardo Bertolucci.

Infatti, non è classificabile né nel filone “kolossal d’autore” (Novecento, L’ultimo imperatore), né nel gruppo dei film claustrofili ed intimisti che include anche l’ultimo Io e te, passando per Ultimo tango a Parigi e L’assedio. Si tratta, invece, di una pellicola grottesca, non priva di momenti comico-surreali, a volte addirittura poco giustificati dalla trama – si pensi alla figura del maresciallo che indaga sul misterioso rapimento del figlio di Spaggiari. È, però, anche un film pervaso di un’inquietudine sotterranea, talora introspettivo e cupo, un giallo dell’anima assimilabile in parte a quel bell’esempio di disillusione politica ed astrattismo figurativo che è Strategia del ragno. E ha un finale onirico dove a non credere ai propri occhi sono tanto gli spettatori, quanto il tormentato protagonista, proprietario di un caseificio in crisi, disposto a tutto, anche ad una frettolosa elaborazione del lutto, per salvarne le sorti. Nel ritrarre un uomo in lotta col passato, che si è sempre sentito ridicolo e che guardando una vecchia foto non si riconosce più, Bertolucci sembra abbandonare i virtuosismi stilistici che caratterizzano in modo inconfondibile il suo cinema. E con Vittorio Storaro ormai avviato verso una grande carriera americana, la fotografia passa a Carlo Di Palma, mentre, dopo La luna, continua la collaborazione con Ennio Morricone. Ma i risultati sono inferiori alle aspettative: le musiche, un po’ enfatiche, da una sequenza all’altra mutano bruscamente e spesso sono poco adatte alle immagini del paesaggio parmense, agli interni raffigurati con un’estetica spoglia, al confine con la povertà d’inquadrature televisive o propria del teatro filmato, al ritmo inerte del racconto. La voce fuori campo, che alterna verbi al presente e al passato, contribuisce a privare di coesione il film e a rafforzare l’impressione di frammentarietà. Ciononostante, questo imperfetto film di transizione, più umile, più piccolo, meno autoriale, scritto interamente da Bertolucci, è un esperimento sincero per il regista emiliano, un necessario passaggio di purificazione, nel percorso verso le grandi e riuscite produzioni internazionali successive. L’ultima, definitiva, spietata resa dei conti con le sue origini, da parte di B.B., Borghese Bolscevico.

La tragedia di un uomo ridicolo [Id., Italia 1981], REGIA Bernardo Bertolucci.
CAST Ugo Tognazzi, Anouk Aimée, Laura Morante, Victor Cavallo.
SCENEGGIATURA Bernardo Bertolucci. FOTOGRAFIA Carlo Di Palma. MUSICHE Ennio Morricone.
Drammatico, durata 110 minuti

La tragedia di un uomo ridicolo
3.5 4 70%

2 Comments

  1. Pingback: Il fischio al naso (1967) - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

  2. Cri says:

    Secondo me l’unico vero punto debole del film, oltre a qualche eccesso lirico nei dialoghi, è la stucchevole colonna sonora di Ennio Morricone. Nel complesso, l’atmosfera onirica, rarefatta e quasi surreale di fondo è perfetta per raccontare lo spaesamento, i sensi di colpa e “‘autonalisi” del protagonista e di ciò che rappresenta. Trovo anche che l’estetica sia sì spoglia e lo stile sia sì meno virtuosista che altrove in Bertolucci, ma certamente non inerti o televisivi; anche qui trovo siano perfetti per rendere ciò che il film voleva “raccontare”
    Trovo sia uno dei film più sottovalutati e, pur raccontando uno spaesamento, acuti di Bertolucci; infatti, come scrive il recensore, è imparentato in qualche modo a “La strategia del ragno”, il suo film, a mio parere, migliore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly