adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Cinema e politica italiana

mercoledì 31 Ottobre, 2012 | di Roy Menarini
Cinema e politica italiana
Editoriale
0
Facebooktwittermail

Ci risiamo. Per l’ennesima volta, il cinema italiano va male al botteghino. È stato un autunno tragico per tutti, e sorprendentemente negativo per film che sulla carta avevano attratto se non altro l’interesse della stampa e dei media, come Bella addormentata di Bellocchio.

Poi cominciano le analisi: Reality avrebbe dovuto godere della distribuzione a maggio dopo Cannes (verissimo), L’intervallo o E’ stato il figlio erano troppo piccoli per mirare a numeri alti (verissimo), Virzì e Soldini hanno spiazzato i fan con pellicole troppo leggere e minori (verissimo), e persino la “commedia media” come Viva l’Italia è partita peggio del solito per errori di lancio pubblicitario (vero solo in parte). Ci si chiede: siamo sicuri che non esista una causa più generale per spiegare l’insuccesso del nostro cinema in questi mesi?
A parere di chi scrive c’è eccome.Cinema_e_politica_italiana_31102012 Avevamo parlato in passato della crisi del prodotto americano, che rischiava di non essere così positiva per gli esercenti, ancorché rincuorati dal successo del cinema italiano più pop. Eravamo purtroppo facili profeti. Come sempre dal 1906 di La presa di Roma, i cicli della fortuna al botteghino per i film tricolori sono brevi e incerti. E appare abbastanza chiaro che il tramonto di Berlusconi (anche se trascinato per le lunghe) avrebbe fatto saltare un tappo. Finito un bipolarismo totalizzante, dove la commedia serviva a distrarre dalle contrapposizioni quotidiane e a negoziare una pax nazionale a tarallucci e risate nord/sud, ora di questi cosiddetti “telefonini bianchi” gli spettatori non sanno più che farsene. Speriamo di sbagliare, ma si addensano oscure nubi anche sui prossimi prodotti nostrani, già in odor di Natale. E se qualcuno, come Massimiliano Bruno, pensa di cavalcare l’ondata di antipolitica, si ricordi che c’è già un comico che lo fa su scala nazionale, e tutto sommato lo fa meglio, cavandoci persino una marea di voti. A occhio, insomma, l’astensionismo sul prodotto italiano si farà sentire. In compenso, arriva qualche segnale da Hollywood. 5 milioni di euro estivi per I mercenari 2, 10 milioni autunnali per Ted fanno pensare che, per reazione, lo spettatore torni a navigare le acque sicure di Hollywood, a caccia di un’idea, magari rozza, ma pur sempre uno straccio di idea popolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly