adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La collina dei papaveri

sabato 10 Novembre, 2012 | di Maria Cristina Andrian
La collina dei papaveri
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Un vento color primavera
Tutto è colore nella nuova opera dello studio Ghibli. Dal mare cobalto, cui la protagonista Umi deve il suo nome, all’accozzaglia ciarliera e confusa di vetri e tappeti dell’edificio in cui il suo amato Shun redige il giornalino scolastico, passando per la bruma rosata che lambisce la collina dove lei vive e il caldo marrone delle stradine su cui i protagonisti corrono, ridono e si imbattono in problemi più grandi di loro.

Una storia “seria” raccontata con la leggerezza del vento che sospinge le nubi di un bianco accecante, non superficiale, ma dipanata tra silenzi ed occhiate. Il colore, tratto principale di quasi tutte le opere dello studio di produzione nipponico, cola sulla tela di una pittrice ospite nell’ostello sulla collina e viene ripreso nel colore delle bandiere che Umi ogni giorno issa in memoria del padre scomparso. Accompagna gli stati d’animo dei protagonisti, calando buio a gettare lunghe ombre sugli edifici color pesca e panna, un caleidoscopio che crea una sorta di contrasto con la semplicità spartana del tratto usato per raffigurare i personaggi. A differenza del cromatismo, eclettico, complesso e stratificato, la trama rimane una pennellata decisa, che attraversa tutta l’opera senza curve, perfettamente limpida. Goro Miyazaki abbandona i toni fiabeschi tipici della regia paterna, calando la vicenda di un amore a prima vista impossibile nella concretissima realtà del secondo dopoguerra nipponico, ma le scelte della fotografia suppliscono alla mancanza di elementi fantastici, regalando una ventata di poesia. L’atmosfera quasi ovattata, come se guardassimo un vecchio film di famiglia, è un naturale prosieguo di quelle che ci ha sempre offerto Miyazaki padre, dove lo sguardo nostalgico al passato è mitigato dalla consapevolezza che i mutamenti possono convivere con la tradizione. La collina dei papaveri centra (ancora una volta!) l’obiettivo di raccontare una storia di riflessione, senza gravarla di pedagogismi, ma lasciando che i sottotesti scorrano liberi verso lo spettatore, esattamente come il vento che ogni giorno aiuta Umi ad issare le sue bandiere.

La collina dei papaveri [Kokuriko-zaka kara, Giappone 2011] REGIA Goro Miyazaki.
CAST (VOCI ORIGINALI) Masami Nagasawa, Junichi Okada, Keiko Takeshita, Yuriko Ishida.
SCENEGGIATURA Hayao Miyazaki, Keiko Niwa. MUSICHE Aoi Teshima, Satoshi Takebe.
Animazione, durata 91 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly