adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il mostro addomesticato

mercoledì 21 Novembre, 2012 | di Marcella Leonardi
Il mostro addomesticato
Editoriale
0
Facebooktwittermail

1934: nel film Death takes a holiday, diretto con il tocco sofisticato e malinconico che era proprio di Mitchell Leisen (tra i più sottovalutati registi americani) la Morte stessa scende sulla terra per vestire abiti umani e osservare la natura della sue vittime.

In un film che è un sublime delirio romantico, dai tratti onirici e mai sciropposi, la Morte finirà con l’avvicinarsi ad una creatura femminile sensibile, spirituale, attratta con fede e devozione dal suo fascino enigmatico e pronta a tuffarsi nelle sue tenebre. Ma la raffinatezza ed un delicato tono di commedia non devono ingannare: Leisen esclude qualsiasi conciliazione tra la “disumanità” del divoratore di anime e le leggi terrene. Il film mette in scena in un quadro dolente l’incontro tra la polvere del nulla e il soffio vitale del sentimento senza lasciar spazio a rassicuranti illusioni. Frederic March, che interpreta la Morte in forme antropomorfe, mantiene un forte nucleo impenetrabile nella sua performance: egli è la fine, l’abisso, l’Altro dall’essere, il cui sentimento non lo umanizza. Sarà la donna a piegarsi al suo destino di vittima e sparire nel suo abbraccio. Con uno sguardo aperto e coraggioso, il film non nega l’inquietudine quotidiana, l’urlo che scava gli occhi: cio che è disumano e mostruoso resta tale senza essere integrato nell’universo esperienziale; permane come una scintilla che accende le nostre paure ed immaginazioni, e che diffonde crepe nella nostra realtà.
2012: quasi un secolo dopo, il cinema americano rovescia questa capacità di rispettare la categoria del “disumano” (sia essa incarnata dalla morte, o dalla sua raffigurazione simbolica in un mostro) riconducendola ad un germe controllabile. I vampiri della Mayers, nella loro totale povertà cinematografica priva di memoria storica e culturale, sono il segno della grande presunzione americana di piegare sia il mondo visibile, quanto l’invisibile, alle proprie leggi. Famiglia, correttezza, buonismo, luce del giorno, operosità; i vampiri mettono su famiglia e rinunciano persino alla notte. Rinunciano al male, a succhiare certezze, e a cavare spietatamene il sangue dalle vene dell’esistenza. Il rifiuto del perturbante (sostituito da una facile catarsi, e da una visione illuministica della supremazia dell’uomo) nel cinema americano assume un valore politico e culturale, tratteggia un atteggiamento mentale di patriottica faciloneria che nega il tormento e la ricerca esistenziale. Il mostro umanizzato è il volto di una nuova ignoranza. Baudelaire inseguiva l’abisso in cui la propria anima si specchiasse a rovescio, ed il vampiro che con un bacio maledetto spalancasse le porte della sua percezione. Il cinema americano cerca vacue luccicanze di un male addomesticato, capace solo di contemplare il proprio ombelico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly