adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Girls – Season 1

sabato 24 Novembre, 2012 | di Alice Cucchetti
Girls – Season 1
Serie TV
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE SERIE TV
Avere ventanni
«Qualsiasi cosa orribile tu possa dirmi, io l’ho già pensata e detta a me stessa, probabilmente nell’ultima mezzora». Dentro e fuori il testo, Girls si potrebbe riassumere qui, nell’apice del litigio tra la protagonista Hannah e la sua migliore amica Marnie.

La 25enne Lena Dunham, figlia di artisti newyorchesi, già un lungometraggio alle spalle (Tiny Furniture) premiato all’SXSW Festival 2010, durante la messa in onda Usa del suo Girls la scorsa primavera su Hbo s’è sentita accusare di ogni male possibile: razzismo (“non ci sono personaggi di colore!”, “L’unica asiatica è un genio del computer!”), sessismo (“le sue donne sono troppo stereotipate/stupide/inette/sottomesse!”), narcisismo (“gira tutto attorno al suo ombelico!”), classismo (“facile fare i film nel loft di mamma & papà a Tribeca…”), inverosimiglianza (“non è così che vivono le vere ragazze di New York!”). Nel frattempo, settimana dopo settimana per 10 episodi, lei srotolava un campionario di giovinezza desolante, sempre più difficile da guardare. Avere ventanni nella Grande Mela del 2012 (ma anche in provincia: nell’episodio in cui Hannah torna a casa dai genitori sembra di assistere a una nuova versione di Young Adult) significa arrabattarsi e franare rovinosamente a ogni passo, fingere una consapevolezza che non si possiede, aggrapparsi a proiezioni falsificate di se stessi, essere incapaci di vedere gli altri, lagnarsi di tutto e tutti, fare sempre la cosa sbagliata. L’accostamento con Woody Allen è inevitabile (così come quello con Louis C.K.), ma Lena Dunham ingombra lo schermo di uno specifico femminile cui i media (e gli spettatori) non sono abituati. Il suo corpo – ingombrante e imperfetto, ricoperto di tatuaggi fatti a mano – e il suo viso – lucido, struccato o con i residui sciolti di un make up fatto male – sono il primo piano centripeto che attrae rappresentazioni inusuali ma verissime: un sesso non edulcorato e spesso realisticamente imbarazzante, discorsi su mestruazioni, aborti, papilloma virus, e così via. È a partire da qui – dalla messa in quadro di una fisicità anticonvenzionale – che si rivela la portata (vogliamo dirlo?) rivoluzionaria di Girls. Perché tutto il resto, forse, l’abbiamo visto altrove, compresa l’estetica hipster del cinema indipendente americano, ma è proprio grazie all’assenza di vergogna (o al desiderio di combatterla) che Dunham riesce ad essere insieme crudele ed empatica. Le sue quattro protagoniste sono ragazze ontologicamente inadeguate all’esistenza, ma non hanno niente a che vedere con le “damsels in distress” in attesa del principe azzurro e nemmeno con gli antieroi falliti di tanta produzione letteraria e cinematografica. Sono identità in costruzione, potenzialmente orribili (soprattutto perché sempre pronte ad autogiustificarsi, a deresponsabilizzarsi) ma con un’insopprimibile scintilla vitale. Attraversano la landa desertificata del limbo generazionale che hanno ricevuto in eredità: troppe aspettative e zero prospettive, meglio accovacciarsi immobili sul fondo di una stanza, non fare nulla, attendere. Dopo 10 episodi, e tutti gli “ismi” del mondo, in fondo allo specchio dello schermo non possiamo che cominciare a riconoscere qualcosa di noi stessi. E iniziare, freneticamente, a fare il tifo per loro.

Girls [Id., USA 2012], IDEATORE Lena Dunham.
CAST Lena Dunham, Jemima Kirke, Allison Williams, Zosia Mamet.
Commedia/Drammatico, durata 30 minuti (episodio), stagioni 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly