adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Paranormal Activity 4

sabato 24 Novembre, 2012 | di Valentina Cauteruccio
Paranormal Activity 4
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

A.a.a. film horror cercasi
Ciò che caratterizza il quarto capitolo della saga di Paranormal Activity è principalmente il non senso a livello di sceneggiatura e la poca capacità horrorifica. I due registi Ariel Schulman ed Henry Joost dimenticano ciò che aveva reso il loro terzo capitolo così ben riuscito e ansiogeno fino all’esasperazione in nome di un’accozzaglia di avvenimenti e personaggi poco definiti e sensati.

Schulman e Joost abbandonano il terrore del non sapere e non vedere a discapito della tecnologia: la protagonista adolescente spia tutto attraverso cellulari, web-cam e addirittura il kinect, che permette di scorgere in modo ben definito l’entità demoniaca col debole per i bambini. Rendendola visibile automaticamente la paura scompare, tutto ciò che aveva spaventato nei precedenti capitoli non ha più senso. Un po’ come la trama. Non si capisce perché Katie rapisca il nipote, dopo aver scaraventato la sorella addosso alle telecamere (scena recuperata da Paranormal Activity 2), per poi darlo in adozione e andarlo a riprendere dopo la solita strage familiare. In questo quarto capitolo il demone fa ben poco, oltre a qualche giochetto con i coltelli o le sedie, perché ora l’attenzione è sulla posseduta Katie, l’unico collante dei quattro film, per quanto la si veda raramente. Neanche il finale, solitamente carico di ansia perché sfoga tutto ciò che per l’intera pellicola si era atteso, ne esce granché bene. I soliti corpi trascinati via, il fratellastro della protagonista che l’unica cosa che fa è guardare con faccia assorta la telecamera, la mostruosa Katie, che accompagnata da un esercito di simil donne in stile Twilight, sacrifica la vergine bionda e americana che non si è ceduta all’amico Ben che voleva sacrificarsi rubandole la verginità per salvarle la vita. Conclusasi l’agghiacciante storia il buio in sala persiste, scorrono i titoli di coda. I più temerari aspettano, sperando che una scena nascosta dopo i titoli possa risollevare il morale dopo l’ora e mezza sprecata per un finto film dell’orrore. Invece due scene in lingua spagnola con telecamera a spalla ti avvertono solo, e questo si che fa paura, che il quinto capitolo è già pronto.

Paranormal activity 4 [Id. USA 2012] REGIA Ariel Schulman, Henry Joost
SCENEGGIATURA Oren Peli, Zack Estrin. EFFETTI SPECIALI Ted Robinson.
Horror, durata 93 minuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly