adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Le metamorfosi di Torino

mercoledì 5 Dicembre, 2012 | di Andrea Chimento
Le metamorfosi di Torino
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Cambiamenti, trasformazioni, metamorfosi. Il TFF 2012 ha raccontato mondi e umanità alla costante ricerca di un rinnovamento esistenziale, di una mutazione come unica arma per poter guardare avanti. Il trasformismo è la chiave con cui Leos Carax apre la porta che ci guida verso la sala in cui viene trasmesso Holy Motors, il titolo più discusso e (in)discutibile, visto o rivisto, dopo Cannes e Locarno, nelle giornate torinesi.

Il film e il suo protagonista, in grado di ritrovare se stesso soltanto tra un travestimento e l’altro, sono la puntuale sineddoche di una kermesse dall’esistenza sempre più incisiva che, come nessun’altra in Italia, spazia su piani differenti, tra ostiche pellicole d’autore e divertenti film di genere, tra esordi coraggiosi e opere mature, facendo dimenticare se la prossima proiezione sarà una prima mondiale o un titolo già proposto in altri festival stranieri. Torino ha la forza di cambiare, si evolve nel tempo nel tentativo (riuscito) di migliorarsi di anno in anno, senza mai rimanere uguale a se stessa. editoriale_TFF2012Esattamente come molti dei titoli selezionati. Non è forse un caso che la scelta del film d’apertura sia caduta su Quartet, il delizioso esordio alla regia di Dustin Hoffman, pronto a 75 anni ad avviare una brillante carriera dietro la macchina da presa dopo i tanti successi raggiunti davanti all’obiettivo. Metamorfosi d’autore drastica è quella di Sion Sono che, dopo il disastro di Fukushima, è passato dagli horror-melò alle riflessioni sociali di Himizu (2011) e di The Land of Hope, opera tra le più toccanti viste sotto la Mole, che racconta proprio di cambiamenti esistenziali dopo un incidente nucleare. Oppure György Pálfi, impossibilitato a girare nuove pellicole per mancanza di finanziamenti, che riprende in Final Cut le love story più belle della storia del cinema, fondendole in un curioso esperimento. La ricerca di una nuova identità ha caratterizzato anche buona parte del concorso: da Arthur Newman di Dante Ariola al vincitore Shell di Scott Graham, il sogno è sempre quello di cambiare la propria vita. Le trasformazioni a volte sono volute (in Nameless Gangster di Yun Jong-bin un doganiere trova un carico di eroina e inizia una nuova esistenza nella malavita), altre volte sono forzate (Heidi-Sheri Moon, da dj a madre dell’anticristo, nel maestoso The Lords of Salem di Rob Zombie), altre ancora persino necessarie (la speranza della fine della dittatura cilena in No di Pablo Larraín), ma certamente sembrano l’unico modo per superare le crisi con cui siamo costretti a fare i conti. Eppure la mutazione più inquietante e struggente che Torino ha mostrato è quella di un personaggio realmente esistito: Yukio Mishima, il cui impeto nazionalistico, in 11.25 The Day He Chose His Own Fate di Koji Wakamatsu, prende il sopravvento sulla sua poetica. Una visione sconvolgente, l’ultimo testamento di un autore che ha sempre portato, in embrione, il germe di una metamorfosi cinematografica avvenuta di film in film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly