adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore

sabato 8 Dicembre, 2012 | di Margherita Merlo
Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore
Speciale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Questa è un’avventura
Wes Anderson è un costruttore di mondi popolati da personaggi talmente strambi da impressionarsi indelebili nella mente degli spettatori più curiosi. Come dimenticare il berretto rosso di Steve Zissou, oppure il trucco scuro di una depressa Gwyneth Paltrow, fino allo sguardo allampanato di Adrian Brody alla ricerca di un perduto legame fraterno?

Ora altri due soggetti andranno ad aggiungersi a questa folta schiera, altrettanto e forse più degni di memoria. È il 1965, Sam e Suzy si incontrano e insieme decidono di fuggire dalle rispettive prigioni, il campo scout per lui, la casa per lei, perdendosi nella natura selvaggia. Oggi vediamo questa storia del recente passato all’aria aperta, l’avventura che serpeggia nel raggio dei pochi chilometri che compongono una piccola isola del New England. Nel 2001 con I Tenenbaum eravamo rinchiusi nella bizzarria di una famiglia anticonvenzionale, mentre qui, alla sua ultima fatica, Anderson non si sforza di nascondere i punti di contatto tra le due opere: ecco che ritorna la figura di una protagonista complessa, una donna bambina nascosta dietro un trucco che rende il suo sguardo fin troppo magnetico, poi i familiari ingombranti, la passione per i dischi in vinile e le notti protetti dentro una tenda da campeggio, possibilmente gialla. Dopo aver viaggiato nelle profondità oceaniche, arrivando fino in India, con una strizzata d’occhio all’animazione, si torna a casa, perdendo quella smania di voler raccontare chissà quali storie fantasiose. Come il buon vino, anche il talento del regista riesce a maturare negli anni, raffinando temi e modalità di narrazione: basta giocare con adulti alla ricerca di un cuore coraggioso per caricarsi delle responsabilità della vita, i due protagonisti di Moonrise Kingdom hanno tutta la freschezza dei loro dodici anni. Ritornano puntuali e attese le piroette sull’asse della macchina da presa, la musica eloquente, i colori, l’attenta costruzione dell’immagine, ma alla malinconica amarezza dei precedenti titoli si sostituisce il dolcissimo sentimento dell’affetto, reso speciale perchè visto nascere in due cuori sinceri che dimostrano una maturità sorprendente. Dimentichiamoci stereotipi sull’amore giovane, qui la delicatezza con cui si tratta l’argomento fa tremare le ginocchia, mentre lo si sottolinea con forza inaudita, tra baci alla francese e promesse di reciproca fedeltà. Un vero tocco da maestro, capace di superarsi ancora e ancora, un nuovo punto di vista da cui vedere il mondo e trovare una via d’uscita nella sua grande confusione. Possibile? Certo che sì, basta solo tenersi stretti e non permettere mai che la persona amata rischi di inciampare, o di scivolare dalla cima di un campanile.

Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore [Moonrise Kingdom, USA 2012] REGIA Wes Anderson.
CAST Kara Hayward, Jared Gilman, Bruce Willis, Edward Norton, Bill Murray, Frances McDormand.
SCENEGGIATURA Wes Anderson, Roman Coppola. FOTOGRAFIA Robert D. Yeoman. MUSICHE Alexandre Desplat.
Commedia, durata 94 minuti.

Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore
4 1 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly