adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Caro Ken Loach…

mercoledì 12 Dicembre, 2012 | di Alice Cucchetti
Caro Ken Loach…
Editoriale
0
Facebooktwittermail

… quando ho letto per la prima volta, a inizio novembre, il programma del 30° Torino Film Festival, non stavo nella pelle all’idea di vedere il tuo La parte degli angeli. Oltre al fatto, non trascurabile, che ho sempre amato il tuo cinema, ritenendolo non solo bello, ma necessario, le recensioni del tuo ultimo lavoro suonavano entusiasticamente promettenti.

Però, poi, a Torino La parte degli angeli non c’era, e non c’eri nemmeno tu. Hai rifiutato il tuo premio in solidarietà ai lavoratori del Museo del Cinema, subappaltati da una cooperativa e impantanati nella tristemente nota trafila di riduzioni di salario e licenziamenti senza giusta causa. Il festival ha deciso di togliere il film dal cartellone e così domani sarò in prima fila con un biglietto per vederlo in una sala della mia città. Il tuo gesto ha fatto storcere molti nasi, qualcuno l’ha bollato come estremo o addirittura ipocrita, qualcuno si è chiesto se non ti accorgi, a tutti gli altri festival a cui partecipi, di quanto le grandi e piccole rassegne culturali si appoggino sul lavoro nero o volontaristico. Qualcuno si è domandato, data l’invalicabile montagna di ingiustizie a questo mondo, se valesse la pena protestare proprio per questa. Per il grande pubblico, impegnato a vaticinare sullo spread in questo nostro gelido inverno di scontento, la tua presa di posizione è passata, purtroppo, inosservata. Eppure, con tutta l’ingenuità di cui ancora mi faccio forza, a me viene da ringraziarti. Non solo per l’illusoria convinzione che valga la pena schierarsi anche solo in una piccola battaglia piuttosto che restare sempre a bordo campo. Ma perché il punto, come dici, è la responsabilità. Nei titoli di giornale che ci seppelliscono quotidianamente, “precariato”, “abbassamento di stipendio”, “contratti a progetto”, “licenziamenti” sono solo parole che sbiadiscono come l’inchiostro, gettate lì con l’inevitabilità dei dati di fatto. A giustificarle, se proprio serve, lo spettro della Crisi. Ma nella realtà di una generazione (incidentalmente: la mia, e quella dei miei colleghi di Mediacritica) pesano tangibili come macigni, legandoci mani e piedi sul fondo di un presente senza orizzonte. Non si tratta (più) “solo” di lavoro o della sua assenza. Si tratta anche del come: quale contratto, quale stipendio, quali condizioni, quale ricatto morale o economico siamo costretti a subire. E mentre c’è chi ci rimprovera perché ci lamentiamo senza adattarci (quando adattarsi spesso significa lavorare gratis o quasi, a orari impossibili, senza tutele né sicurezze), nessuno sa prendersi la responsabilità di un sistema sregolato che ogni giorno traccia una riga sempre più nera su un’intera generazione di giovani (dis)occupati. Pure il nostro cinema, dopo un paio d’annate di denuncia sui precari da call center, è scivolato nell’impotente rassegnazione che viviamo Tutti i santi giorni. Mi dicono che La parte degli angeli recupera un’ironia e una leggerezza capaci di accendere la commozione della speranza. In attesa di vederlo e di ringraziarti ancora una volta per il tuo fare cinema, comincio con l’esserti riconoscente per il tuo gesto di protesta. Non solo bello, ma, più di ogni altra cosa, necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly