adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Scorie in libertà

mercoledì 19 Dicembre, 2012 | di Lapo Gresleri
Scorie in libertà
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Scorie da raccontare
A ridosso del referendum del 2011, Gianfranco Pannone (Piccola America, Latina/Littoria) torna dietro la macchina da presa per un’indagine sulla realtà nucleare nazionale, prendendo come caso esemplificativo Borgo Sabotino, in provincia di Latina, sede di una delle più grandi centrali a livello europeo in disuso dalle votazioni referendarie del 1987.

Accostando materiale d’archivio, suoi super8 degli anni Ottanta e interviste sul campo girate per l’occasione, il documentario riflette su quello che è significato lo sviluppo della ricerca sull’atomo nel nostro Paese, sia a livello economico, sia su quello culturale. In pieno Boom, gli abitanti dell’Agro Pontino accolsero benevolmente l’enorme centrale, fonte di ingente ricchezza che portò lavoro e benessere nell’altrimenti povera zona rurale circostante Roma. mediacritica_scorie_in_liberta_290Come sostiene Pannone, forse è proprio il rapporto con la Storia a caratterizzare tale convivenza tra cittadini e “lo scatolone”: Latina come le altre città romane fasciste nasce sotto il mito dell’innovazione e dello sviluppo, più volte indicato da Pasolini come fonte del disfacimento morale e culturale avviatosi in Italia dal dopoguerra. È chiaro perciò che tale premessa non poteva che assumere una valenza positiva nella corsa all’arricchimento del Paese, dovuta anche a una ricercata autonomia energetica. Dall’altra parte il fenomeno si è reso possibile per la scarsa conoscenza a riguardo: negli anni Sessanta in pochi – e nessuno tra i politici di allora – erano al corrente dei rischi e dei danni reali per persone, animali e ambiente. Con rari scrupoli, e scarsa competenza in materia, dunque si è abbracciato il nucleare, senza (voler) conoscere, oltre agli aspetti positivi, anche quelli negativi. Vittime consenzienti, i cittadini hanno così preferito deliberatamente vivere l’illusione di una rapida agiatezza al pari delle altre potenze occidentali, fino alla tragedia di Chernobyl che ha aperto gli occhi e risvegliato la coscienza assopita di un’Italia scopertasi in massa antinuclearista. Ecco allora venire alla luce le numerosi morti per tumore e le deformazioni di animali, piante e persone nei pressi delle centrali, che ancora oggi – a distanza di più di vent’anni – continuano a segnare negativamente tali zone. Il film di Pannone si ferma qui, non assolve e non condanna: cerca piuttosto di capire le ragioni di un esperimento rivelatosi con il tempo fallimentare. Evitando l’inchiesta-reportage e il documentario didattico, il regista preferisce la forma del diario (personale e comunitario), dove idee, riflessioni e provocazioni si susseguono, senza arrivare a una conclusione precisa, dando piuttosto allo spettatore la libertà di trarre le proprie, lasciandogli un’inquietudine di fondo, qualcosa che resta come le scorie di Borgo Sabotino, tracce di un passato ancora presente da ri(s)coprire a seconda della propria coscienza e volontà.

Scorie in libertà – L’incredibile avventura del nucleare in Italia [Italia 2012], REGIA Gianfranco Pannone.
CAST Roberto Lessio, Giovanni “Nanni” Martellozzi, Cesare Di Nunno, Armando Macani.
SCENEGGIATURA Marco Fiumara, G. Pannone. FOTOGRAFIA Ta-rek Ben Abdallah. MUSICHE Daniele Sepe.
Documentario, durata 73 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly