adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Where Are We Now

mercoledì 9 Gennaio, 2013 | di Sara Martin
Where Are We Now
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Per il primo editoriale del nuovo anno, l’idea era quella di scrivere un commento ragionato sul singolo Gangnam Style del rapper coreano PSY, non per apprezzamento personale nei confronti del video o del brano musicale, quanto per il fenomeno popolare in sé; Gangnam Style ha ottenuto il record, a fine dicembre 2012, di primo video nella storia ad aver raggiunto il miliardo di visualizzazioni su YouTube.

Poi è arrivata, a gran sorpresa, la notizia del ritorno del Duca Bianco e l’analisi del fenomeno del tamarrissimo PSY, dei flash mob che ha generato in tutto il mondo e delle parodie e reinterpretazioni di ogni tipo e ad ogni livello, può aspettare. David Bowie taceva, con l’eleganza che lo contraddistingue, da dieci anni.editoriale_David Bowie Non appariva in pubblico, non faceva concerti e aveva rifiutato anche la partecipazione all’apertura delle Olimpiadi di Londra 2012 nonostante le richieste insistenti da parte di Danny Boyle, alla regia della cerimonia inaugurale. Il giorno del suo sessantaseiesimo compleanno (8 gennaio) Bowie ha pubblicato sul suo sito un singolo nuovo, Where Are We Now, che anticipa l’uscita in marzo del nuovo album: The Next Day. Assai diverso dall’immagine atemporale che dava di sé in Reality, Bowie è per la prima volta segnato dal tempo, privo di maschere ma non di fascino statico e impenetrabile. Il videoclip è firmato dall’artista Tony Oursler, “padre” della video-scultura, già membro del gruppo Poetics (con Mike Kelley e John Miller) e collaboratore, fra gli altri, di Dan Graham e dei Sonic Youth.
Oursler, che è noto per l’uso di volti deformati dalla loro proiezione su sfere, usa per Where Are We Now il volto del cantante e quello di una donna che gli sta accanto, ritagliati sulle teste di due peluche d’altri tempi, souvenir desueti provenienti forse da quei lontani anni Settanta in cui il Duca Bianco viveva a Berlino. Dietro di loro un monitor proietta vecchie immagini in bianco e nero della capitale tedesca e tutto intorno sono disposte alla rinfusa sculture, lampade, strumenti e arnesi di un artista che osserva il suo atelier, i suoi ricordi e i suoi oggetti. Nostalgico, struggente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly