adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il mistero del falco (1941)

mercoledì 23 Gennaio, 2013 | di Edoardo Peretti
Il mistero del falco (1941)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

OMAGGIO AD HUMPHREY BOGART

Il mito e il male
Per capire l’essenza de Il mistero di falco, esordio alla regia di John Huston, è opportuno fare due soste: una all’interno dell’opera, l’altra una trentina di anni dopo, nel miglior film americano di un regista di origine polacca.

Innanzitutto, la definizione migliore del Sam Spade interpretato da Humphrey Bogart ne Il mistero del falco viene data proprio da uno dei personaggi del film: il ricco Casper Gutman, il quale con soddisfazione, stima e divertimento più volte definisce il detective come “un personaggio”. Effettivamente l’Humphrey Bogart nel ruolo dell’investigatore privato creato nel 1930 da Hammett assume da solo, come forse è inutile ripetere, un valore iconico e mitologico indelebile, a prescindere dalle altre qualità del film, soprattutto se collegato e studiato in relazione all’altro mito incarnato dall’attore mediacritica_il_mistero_del_falcol’anno successivo: il Rick di Casablanca. L’investigatore e il disilluso gestore del locale, come analizzato da Giulia Carluccio e Giaime Alonge nel loro studio sul cinema classico americano, sono stati costruiti, a livello di costruzione del personaggio e a livello anche stilistico, in maniera simile per far risaltare la valenza dell’ “attore-icona” nel ruolo del “Bad-good-boy”. Facendo ora il salto di una trentina d’anni prima accennato, passiamo dalla San Francisco stilizzata in bianco e nero dei primi anni quaranta alla Los Angeles degli anni venti di Chinatown di Roman Polanski. Qui il ruolo del ricco patriarca simbolo del male dominante – a livello privato come a livello pubblico, per la famiglia come per la collettività – è ricoperto dallo stesso John Huston, cosa che crea interessanti rimandi al suo esordio alla regia. In un’opera che rilegge il noir classico, e di cui costituisce un passo in avanti, la scelta di Polanski di puntare sul regista irlandese non è solo un semplice omaggio alla storia del genere, ma può anche essere letta come l’esplicitazione del senso più o meno nascosto de Il mistero del falco e di altri suoi film come, per esempio, Giungla d’asfalto. Nella totale negatività del patriarca polanskiano, ritroviamo più evidenti e accentuati il pessimismo di fondo (non negato, ma semmai sostenuto dalla sublime ironia) e ciò che costituisce il motore di tutto l’intreccio: il morboso desiderio verso il possesso e la ricchezza fini a se stessi, diventati i nuovi valori dominanti a sacrificio dei sentimenti e dei rapporti che regolerebbero il consesso umano (è ancora Gutman a dire una frase emblematica al momento di sacrificare l’aiutante, considerato alla stregua di un figlio: “ti ho voluto bene come un ad un figlio, ma di figli se ne possono fare altri, e di falcone ne esiste uno solo”). Tradimenti continui, uccisioni di cui non ci si pente, doppi e tripli giochi, il desiderio cieco ed ossessivo verso il possesso del prezioso reperto diventano simboli di un cancro sempre più presente nella società: questo nel cinema classico degli anni quaranta poteva ancora essere sconfitto, o perlomeno attenuato, dal detective (onesto, ma comunque costretto a scendere a patti con le regole del gioco), cosa che negli anni settanta di Chinatown non potrà più essere possibile.

Il mistero del falco [The Maltese Falcon, USA 1941] REGIA John Huston.
CAST Humphrey Bogart, Peter Lorre, Sidney Greenstreet, Mary Astor, Gladys George, Lee Patrick.
SCENEGGIATURA John Huston. FOTOGRAFIA Arthur Edeson. MUSICHE Adolph Deutsch.
Noir, durata 97 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly