adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Zero Dark Thirty

sabato 9 Febbraio, 2013 | di Edoardo Peretti
Zero Dark Thirty
Speciale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Ossessione
Zero Dark Thirty si apre e si chiude con un fuori campo: inizia con il buco nero dell’11 settembre, le cui immagini vengono celate dallo schermo completamente nero, sopra cui scorrono le voci di chi quel giorno era intrappolato nelle torri o stava osservando dalla strada, e finisce con la cattura di Bin Laden, mai chiaramente inquadrato.

Il leader della Jihad infatti, oltre a non apparire neanche un attimo da vivo se non come una quasi impercettibile ombra sfuggente, è sempre o nascosto dal corpo di un soldato posto nella traiettoria della macchina da presa,mediacritica_zero_dark_thirty1a o ripreso parzialmente con particolari che sbucano nel quadro, o attraverso inquadrature distanti, un po’ sghembe e oblique che evitano comunque sempre di riprendere con chiarezza l’intero volto. L’unica eccezione in cui questo si vede è attraverso una foto fatta dal cellulare di un soldato, che riporta l’immagine ufficiale circolata dopo la cattura, quella che è apparsa nei media di tutto il mondo.
La scelta di non immolare visivamente Bin Laden (oltre, volendo essere maligni, a lasciare qualche dubbio sul fatto che la regista e gli sceneggiatori credano totalmente alla versione ufficiale) è significativa non solo perché frutto della poetica della Bigelow, più interessata a colpire “alla lunga” con una rappresentazione quasi documentaristica e antropologica piuttosto che con l’impatto emotivo d’effetto, ma soprattutto perché è segno di un rimosso che ancora fatica a essere interiorizzato. La paura di rappresentare chiaramente il nemico, di guardarlo in faccia è, da un lato, segno di un lutto e di uno shock non ancora del tutto superati, specie se affiancato al fuori campo iniziale dell’11 settembre; dall’altro è frutto del pudore (a livello “emotivo”, non certo narrativo e di fedeltà storica, dove anzi con grande sincerità si rappresentano anche le pagine più sgradevoli) e della sofferenza con cui sono raccontate le vicende che hanno portato alla cattura. L’uccisione di Bin Laden è infatti risultato di una lunga e sempre più divorante ossessione, quella della protagonista Maya – un’aderente Jessica Chastain, la cui recitazione controllata ma comunque incisiva è parallela allo stile della Bigelow – facilmente metaforizzabile con quella dell’intera nazione; ossessione che ha costretto la protagonista a scendere a patti con se stessa, con la propria autorappresentazione e con la propria identità, e che in fin dei conti l’ha portata a perdersi, sempre in un discorso facilmente metaforizzabile a livello più ampio di nazione. Catturato e ucciso quello che per anni è stato per lei un chiodo fisso sempre più totalizzante, Maya non può/riesce a festeggiare, non ce la fa a liberarsi dal peso che negli ultimi anni l’ha, come un cancro, sempre più conquistata. L’inquadratura finale – che Mauro Gervasini su filmtv ha acutamente accostato come speculare a quella di Sentieri Selvaggi, non a caso un film capitale dell’autorappresentazione sofferta statunitense – lascia intendere che la perdita di sé può essere irreversibile, e che ritrovarsi sarà dura.

Zero Dark Thirty [Id., USA 2012] REGIA Kathryn Bigelow.
CAST Jessica Chastain, Jason Clarke, Kyle Chandler, Mark Strong.
SCENEGGIATURA Mark Boal. FOTOGRAFIA Greig Fraser. MUSICHE Alexandre Desplat.
Thriller/Storico, durata 157 minuti.

Zero Dark Thirty
5 1 100%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly