adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Damsel in Distress

mercoledì 20 Marzo, 2013 | di Lucia Tralli
Damsel in Distress
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Alzi la mano chi non ha mai tentato di salvare la Principessa Peach o Zelda passando ore ed ore attaccato a una console. E che dire della ricerca della principessa rapita dal malvagio visir all’inizio di Prince of Persia? L’elemento a cui probabilmente nessuno di noi in tenera età aveva fatto caso, tuttavia, è che il rapimento della “povera principessa” dava il via alla maggior parte dei nostri amati videogiochi.

E’ questo il tema del primo video della serie Tropes vs. Women in Video Games, realizzato da Anita Sarkeesian, in arte Feminist Frequency, e dedicato al più pernicioso e persistente trope mediale sessista, la “damsel in distress” – la damigella in pericolo. Il video, pubblicato all’inizio di marzo, ci fa scoprire, o ricordare, che non solo la maggior parte dei giochi iniziava con la “poveretta di turno” rapita da bruti, con forze più o meno magiche, ma anche che raramente tali personaggi erano “giocabili” dall’utente.mediacritica_editoriale_damsel-in-distress La serie si pone come obiettivo l’analisi e la decostruzione dei tropes sessisti più diffusi nella storia dei videogiochi, sul modello della precedente Tropes vs. Women, realizzata da Sarkeesian nel 2011 in collaborazione con la celebre rivista femminista Bitch Magazine, incentrata, invece, su film e serie televisive. Pur avendo raggiunto ormai una certa popolarità – il blog Feminist Frequency – Conversations with pop culture è attivo dal 2009 – l’attenzione suscitata da quest’ultima serie ha superato ogni aspettativa, purtroppo non in senso positivo. Per finanziare il suo progetto, Sarkeesian decide, nel maggio 2012, di avviare una campagna sul celebre portale Kickstarter (campagna che frutta, grazie a circa 7000 sostenitori, più di 150.000$) e realizza un video promozionale. Chiunque si occupi di tematiche femministe o gender-related sul web conosce bene le pratiche di trolling ed è abituato a commenti sprezzanti, video segnalati, mail di offese. Tuttavia, la campagna di molestie e attacchi personali organizzata da alcuni forum di videogiocatori nei confronti di Sarkeesian va oltre l’immaginazione più fervida. Il video promozionale riceve su YouTube circa 14.000 commenti – prima della chiusura per ovvi motivi – tra i più “teneri” (e i pochi ripetibili): “I hate ovaries big enough to post videos”, “She is a JEW” e il grande classico “I hope you get cancer”. La sua pagina di Wikipedia viene vandalizzata per giorni con link pornografici. Il suo sito subisce vari tentativi di hacking, alcuni riusciti. E a questo vanno aggiunte le manipolazioni di immagini fatte circolare sui social media, i disegni pornografici e le minacce di stupro recapitati via mail, la diffusione online dei suoi contatti personali, compresi numero di telefono e indirizzo privato e, infine, un videogioco online il cui titolo Beat Up Anita Sarkeesian risulta abbastanza eloquente. Sarkeesian ha rilasciato svariate interviste a quotidiani, riviste e siti web, e molti hanno scritto in sua difesa: sistematicamente ogni post o video è stato accompagnato da una selva di commenti e insulti. L’intera vicenda è stata recentemente ricostruita da Sarkeesian durante una delle note TEDxWomen talk. Se mai vi fosse stata la necessità di trovare una ragione per il lavoro di Sarkeesian sul sessismo nei media contemporanei, questa incredibile vicenda rende l’importanza del suo lavoro auto-evidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly