adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il cinema a disposizione

mercoledì 27 Marzo, 2013 | di Roy Menarini
Il cinema a disposizione
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

E’ vero, queste piattaforme esistono da tempo. Alcune sono anche meno impositive, e meno antipatiche. Però non si può negare che l’arrivo in Italia di Spotify cambi le carte in tavola. Dopo qualche settimana di prova, possiamo dire che la discontinuità c’è tutta: poter navigare dentro un oceano di canzoni e album, organizzato secondo una logica spietatamente commerciale ma al tempo stesso rispettoso di alcune nicchie, ascoltare dischi nuovi di zecca attraverso un’interfaccia semplice e partecipativa, e il tutto – se si accettano limiti di tempo e molta pubblicità – gratis, è una cosa nuova.

Si dirà: Youtube aveva ormai da tempo inglobato la musica, e tuttora lì si trova molto più materiale. È vero, ma l’indicizzazione e l’organizzazione semantica del “tubo” sono frantumate e caotiche, mentre queste piattaforme, proprio perché benedette dall’industria, offrono per la prima volta la musica (tanta musica) senza supporti e a costi irrisori. mediacritica_cinema_a_disposizione
Ovviamente, la lampadina si è accesa nella testa di molti: e il cinema? Avrebbe senso uno Spotify dei film? Difficile a dirsi. Di primo acchito, bisogna dire che ogni mezzo espressivo necessita di un’organizzazione ad hoc, e proprio Spotify dimostra che canali distributivi universali (come appunto Youtube) possono essere spodestati da servizi commerciali esclusivi. Quindi il modello potrebbe sussistere ma non essere tale e quale. Tuttavia, si sta andando in quella direzione, e oltre oceano le cose sono già a stadio assai avanzato. Gran parte della sfida si gioca sul repertorio, ormai. Per il cinema, come per la musica, la “retromania” di cui parla Simon Reynolds nel suo bel libro omonimo è ormai un fatto. Dunque una piattaforma legale, semi gratuita, o ad abbonamento stracciato, che contenga milioni di film, e usi gli strumenti dei social network, è immaginabile anche in Europa. Questo – come per Spotify – dovrebbe poi generare una dimensione di concorrenza e spingere altre aggregazioni a proporre piattaforme alternative, dedicate al cinema indipendente o alle opere inedite da tutto il mondo. Al momento è tutto molto frantumato, e – pur facendo finta di abitare in Usa – abbonarsi contemporaneamente a MUBI, Festival Scope, Sundance Channel e Hulu costa un bel po’ di quattrini. In Italia, poi, il livello dell’On Demand è ancora ridottissimo.
Poi c’è il problema della sala. Per la musica non esiste, ed è il motivo per cui l’industria musicale non poteva reggere l’urto dei nuovi media: si trattava solamente di supporti. Per il cinema la sala non è questione tecnica, ma sociale e rituale, paragonabile al “live” della musica (e non sarà un caso che le sale di prima visione propongono sempre più live, balletti, opere liriche, concerti rock e pop). Questa dimensione, pur in crisi, regge. È anzi stupefacente come resista alle spinte della contemporaneità. E i dati provenienti da mezza Europa, da Cina, Russia, Brasile e Usa ci dicono anzi di una crescita.
Uno Spotify del cinema legalizzato potrebbe dunque occuparsi del repertorio, rendendolo finalmente fruibile e reperibile in larga parte, proteggendo in qualche modo la prima visione (ma con windows molto più strette) e generare – a fronte di un iniziale contrazione del consumo verso i grandi operatori – un successivo terreno fertile per futuri spettatori. Succederà davvero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly