adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Marnie (1964)

sabato 6 Aprile, 2013 | di Lisa Cecconi
Marnie (1964)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE ALFRED HITCHCOCK
Caccia alla ladra

“I colori! Non li sopporto quei colori!”. È impossibile pensare a Marnie senza pensare al rosso. Non soltanto perché imbeve lo schermo quando la protagonista vi posa lo sguardo, ma perché rosso è il colore delle pulsioni, del desiderio ardente e del battito accelerato. Il colore di Marnie, appunto. Ladra compulsiva angosciata dalle ossessioni, Marnie rifugge il rosso come il proprio rimosso. Ma la sua brama di indipendenza si scontra con l’indole predatrice di Mark Rutland, generando un duello di possesso e competizione.

Film dall’accoglienza controversa al momento della sua uscita, Marnie divide ancora oggi il pubblico di Hitchcock tra entusiasti e contestatori. Molte le critiche che gli furono mosse, dall’imperfezione tecnica della messa in scena alla disinvoltura con cui la sceneggiatura riduce la complessità del romanzo di Winston Graham.mediacritica_marnie1a Ma se a distanza di tanti anni Marnie riesce ancora a turbare profondamente, è in virtù di una precoce audacia nel trattare delicati retroscena ed esplicita sessualità. I temi che lo attraversano richiamano altre opere di Hitchcock, dall’amore ossessivo di Vertigo al rapporto con la madre affrontato in Psyco, fino alla psicanalisi spicciola di Io ti salverò. Ma quel che più coinvolge è la gara di potere tra i due protagonisti: lei ambigua, fragile e priva di scrupoli; lui saldo, influente e socialmente arrivato. Lotta di ruoli, sociali e sessuali, che trascina la coppia in un gioco morboso di supremazia e controllo, costellato da continue allusioni alla caccia e alla cattività. Intimamente inibita e apparentemente spregiudicata, Marnie rivendica un affrancamento dall’autorità maschile con la stessa ostinazione con cui Mark è intenzionato a riaffermarla. Il feticismo palpabile dello sguardo, a partire dalla sequenza iniziale, con le unghie laccate della Hedren che armeggiano tra effetti personali e dettagli rivelatori, si accompagna all’evocazione attenta della patologia. L’intrusione ossessiva in casseforti e borsette sembra alludere al tentativo disperato di fare breccia nel ventre e nell’affetto materno, mentre l’artificiosità dei fondali dipinti contribuisce a creare un’inquietante sospensione onirica. Di questo film sofferto, l’ultimo in cui il regista si avvalse della fotografia di Robert Burks e delle musiche di Bernard Herrmann, restano la forza di un erotismo perturbante e alcune scene magistrali, come quella del furto di Marnie nella stanza accanto alla donna delle pulizie. Destò scandalo la violenza del personaggio di Sean Connery, al tempo James Bond per Goldfinger, mentre la splendida protagonista, peraltro madre di Melanie Griffith, subì sul set l’attenzione ossessiva dello stesso Hitchcock. Truffaut lo definì “un grande film malato”, unico in virtù dei suoi difetti, frutto di “riprese avvelenate dall’odio e accecate dall’amore”.

Marnie [Id., USA 1964] REGIA Alfred Hitchcock.
CAST Tippi Hedren, Sean Connery, Diane Baker, Bruce Dern, Alan Napier.
SCENEGGIATURA Jay Presson Allen (tratta dall’omonimo romanzo di Winston Graham). FOTOGRAFIA Robert Burks. MUSICHE Bernard Herrmann.
Thriller, durata 129 minuti.

Marnie (1964)
3.5 4 70%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly