adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

E ora parliamo di… Steven Soderbergh

sabato 4 maggio, 2013 | di Leonardo Cabrini
E ora parliamo di… Steven Soderbergh
Review
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

SPECIALE STEVEN SODERBERGH
Tuttofare
Regista, produttore, sceneggiatore, montatore, cinematographer, tutto… Steven Soderbergh fa dell’eclettismo lavorativo, oltre che stilistico, il proprio brand predominante. Attivo da oltre venticinque anni, precoce vincitore della Palma d’Oro a Cannes, nel 1989 si fa conoscere con un film, Sesso, bugie e videotape, che diviene simbolo di quel riflessivismo postmoderno che faceva spellare le mani alla critica più à la page di allora.

Da qui in poi, una serie di prodotti diversissimi tra loro hanno creato un certo scompiglio. Capace di lavorare sia con grandi produzioni e cast stellari, come Out of Sight, Erin Brockovich, Traffic, Ocean’s Eleven (e seguiti), sia con film più sperimentali, come L’inglese o Bubble, viene visto con sospetto da una comunità cinefila che lo considera un vuoto filibustiere (persino David Lynch se ne fa beffe, ricalcandolo nel personaggio del regista Adam Kesher in Mulholland Drive).mediacritica_steven_soderbergh In effetti, come non rimanere sospettosi dinanzi agli abborracciati giochini pseudo-intellettuali di Schizopolis e Full Frontal? Come celare lo sgomento di fronte alla pleonastica riduzione del Solaris di Stanislaw Lem? Eppure, da un certo momento in poi, Soderbergh emerge con una serie di pellicole di sorprendente valore. Dopo la curiosa parentesi formalista di Intrigo a Berlino, in cui adopera le medesime attrezzature tecniche degli anni quaranta, costruisce un sorprendente dittico dedicato, nientemeno, che alla figura di Che Guevara. Insieme agiografici e antiretorici, Che – L’argentino e Che – Guerriglia, entrambi del 2008 e scritti da sceneggiatori diversi (e si vede!), rappresentano l’apice stilistico di un regista che riesce a trovare il giusto tono espungendo dal ritratto di un mito tutta la ridondanza del caso.
Da qui, una serie di opere interessantissime compongono l’ultima parte della carriera. Servendosi di ottime sceneggiature, Soderbergh confeziona prodotti di grande fattura e di rilevante importanza politica: dalla tortuosa storia di spionaggio industriale che ragiona sul significato della menzogna in The Informant!, alla sagace riflessione sul capitalismo contemporaneo e suoi riti duri a morire in Magic Mike, passando per l’ottima costruzione, dalla fredda consistenza positivista, di un virus (sociale, politico, economico) che porta il mondo al collasso, in Contagion. Il nuovo Effetti collaterali, arzigogolato e problematico quanti altri mai, continua sulla strada del coriaceo blockbuster intelligente e ben scritto. Ma è proprio il servirsi di sceneggiature altrui a conferire valore alla capacità di Soderbergh di orchestrare progetti ambiziosi: forse l’interesse del suo lavoro sta proprio nella facoltà di captare il peso di un’inquadratura, di mantenere il giusto tono e comprendere l’importanza delle narrazioni forti. Che ciò lo esautori, almeno parzialmente, dai pregi che la critica ha attribuito ai suoi ultimi film? O forse che, al contrario, lo si voglia elevare quale baluardo di una politique des auteurs rivisitata che vede, sempre e comunque, il regista come unico vero artefice del senso dell’opera? O, magari, che non sia il caso di riporre in cantuccio le teorie autoriali e guardare, senza pregiudizi, al singolo film. Ma è forse possibile ciò?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly