adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Sì, sono proprio Elio e le Storie Tese

mercoledì 8 Maggio, 2013 | di Mattia Filigoi
Sì, sono proprio Elio e le Storie Tese
Editoriale
0
Facebooktwittermail

Non so per voi, ma nel mio caso comprare un cd è diventato un evento eccezionale. Studiato, calcolato nei particolari, crudelmente selezionato su parametri di gusto sempre più stretti, e quindi atteso spasmodicamente. Devo avere la certezza di poter appagare appieno il mio feticismo, provare piacere nell’atto fisico di mettere il cd nel lettore e godermi il libretto mentre ascolto. Praticamente, il mio contributo all’industria musicale è legato alle sole pubblicazioni di Elio e le Storie Tese.

Ieri è uscito L’album biango, ergo grandi mobilitazioni, precedute da tutto il can-can di San Remo e del Concertone: La canzone mononota ormai a memoria, Dannati Forever e il suo video a la Terry Gilliam, le ridicole discussioni mediacritica_editoriale_elio_e_le_storie_tesepseudo-politiche su Complesso del primo maggio. Andando indietro nel tempo erano già state presentate nei live i brani Il ritmo della sala prove, equivalente “eliano” di Joe’s Garage di Zappa, Enlarge (Your Penis), Come gli Area… insomma mancava solo l’album completo.
Ieri era il gran giorno: sveglia relativamente presto per andare in quel negozietto che è sì un po’ più lontano, ma forse ci trovo un qualche sconto (no), di corsa a casa a sentirlo, che l’autoradio s’è rotta. E lui è lì sull’altro sedile, biango e incelofanato che brama di essere ascoltato, e infine play sul lettore con il volume a palla e il libretto tra le mani (un po’ scarno, ad essere sinceri). Punto subito agli inediti: il divertissement Lampo; la grottesca Luigi il pugilista, campione dei pesi paglia perché portava gli occhiali e quindi nessuno lo picchiava; Una sera tra amici dal testo corrosivo nascosto nel ritmo rassicurante di un simil doo-woo anni ’50; Amore amorissimo e i suoi psicotici superlativi, che cita Modugno e vola sul funky lanciata dai fiati spettacolari di Demo Morselli; Il tutor di Nerone, riflessione semiseria sulla frenesia dei tempi moderni. Chiudono l’album Reggia (base per altezza), strumentale suonata dagli Area come preludio a Come gli Area, già cult con versi tipo “Come tutti sanno il pubblico fascista non ha mai capito un cazzo di musica/sì, però i compagni quando c’è da tirar fuori i soldi… tutto tace”, e A piazza San Giovanni, cantata da Finardi come intro per Complesso del primo maggio.
L’album biango (la spiegazione più divertente a questo nome la dà Faso, citando il “pennarellone che scrive biango” della storica T.V.M.D.B.) è proprio come lo ci si poteva aspettare, anche perché buona parte dei brani, in un modo o nell’altro, si erano già sentiti e in alcuni casi stavano pure iniziando a rompere le balle (tipo La canzone mononota). E gli inediti, seppur geniali come sempre con menzione speciale per Amore amorissimo, non vanno oltre la burla grottesca, e in qualche modo si può immaginare dove andrà a parare una canzone già a metà ascolto. Eppure ogni volta si rimane affascinati, e diavolo, si ride alla grande! Beh, forse non così tanto: quella sensazione di prevedibilità questa volta era forte, e riascoltare l’album un po’ sottolinea il sentimento di presunta delusione, pur col bilanciamento della solita carriolata di citazioni musicali e microchicche nascoste tra le note, la cui ricerca è da sempre fonte di grande soddisfazione per il fan ossessivo. Il gioco però comincia a stancare: L’album biango, nella sua bellezza a tratti geniale, è il piccolo capolavoro che ci si aspettava. Il che non è proprio positivissimo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly