adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Alla ricerca di Nemo (2003)

mercoledì 19 Giugno, 2013 | di Giulia Zen
Alla ricerca di Nemo (2003)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE PIXAR ANIMATION STUDIOS
La caducità delle apparenze
È il 2003. Sono passati otto anni dall’ufficiale consacrazione a dea dell’animazione raggiunta con Toy Story, ma la Pixar non dà segno di voler abbassare il tiro. Dopo A Bug’s Life, Toy Story 2 e Monsters & Co., il lanciatissimo Alla ricerca di Nemo conquista il secondo maggior incasso d’animazione di sempre.

Quasi tutti i prodotti di casa Lasseter (John Lasseter, direttore creativo) possiedono un elemento narrativo in comune: l’amicizia. Infatti, in seguito agli storici racconti di Esopo e alle meravigliose trasposizioni Disney, questo potente sentimento viene preso in eredità dalla casa di produzione californiana, raccontato e disegnato (o, in questo caso, computerizzato) in mille mediacritica_alla_ricerca_di_nemosfaccettature. Dopo aver conosciuto i più disparati mondi dei cortometraggi, ed essere passati attraverso quello dei giocattoli, delle formiche, fino ad arrivare a quello dei “mostri”, ci tuffiamo ora (letteralmente) nello sconfinato universo acquatico. Un primissimo punto di vista sottomarino era già stato abbozzato in La spada della roccia, travestito da insegnamento etico compiuto dal mago Merlino per il piccolo Semola, futuro Re Artù. Ma se in quel caso la durata era di quindici minuti circa mentre ora si espande in questi splendidi, indimenticabili, cento minuti. I due protagonisti sono adesso padre e figlio, appartenenti alla categoria del pesce pagliaccio: il primo, Marlin, è estremamente possessivo e ansioso, due freni imposti dalla perdita di tutta la famiglia eccetto, per un pelo, del figlioletto. Si tratta di Nemo, appunto, che ha stampato su una delle due pinne il triste ricordo, ma non per questo meno solare e socievole. È il primo giorno di scuola, che si tramuta – inaspettatamente – nel primo passo (pardon, guizzo) verso la vita vera, non più rinchiusa tra le quattro, claustrofobiche, pareti dell’anemone. Tuttavia, come in ogni favola che si rispetti, la rottura dell’equilibrio esistenziale avviene in maniera brusca, ed è proprio in tal modo che Marlin vede sparire alla velocità di uno yacht il piccolo Nemo. Con l’aiuto della smemorata Dory, il pesce pagliaccio senior attraversa e combatte l’oceano per ritrovare il sangue del proprio sangue. La straordinarietà delle narrazioni Pixar è insita nelle metafore: infatti, una storia non è mai fine a se stessa, ma si eleva ad allegoria dei più grandi sentimenti e rapporti vitali: amore, amicizia, fedeltà, passione, e mille altri ancora. L’oceano attraversato da Marlin non è limitatamente il locus vero e proprio, ma rappresenta i diversi passaggi della sua maturazione personale, in primis come padre, ma anche come amico e confidente. Ecco che allora tutte le fallaci apparenze calano la propria maschera: conosciamo quindi la gentilezza di squali e balene, la straordinarietà delle tartarughe, il superamento di Nemo e Branchia dei propri limiti fisici, fino addirittura alle eccezioni di una patologia certificata, quale la memoria a breve termine di Dory. Bando all’età anagrafica: si può non essere travolti da cotanta magia?

Alla ricerca di Nemo [Finding Nemo, Australia/USA 2003] REGIA Andrew Stanton.
CAST (DOPPIATORI ORIGINALI) Albert Brooks, Ellen DeGeneres, Alexander Gould, Willem Dafoe, Geoffrey Rush.
SCENEGGIATURA Andrew Stanton, Bob Peterson, David Reynolds. FOTOGRAFIA Sharon Calahan, Jeremy Lasky. MUSICHE Thomas Newman.
Animazione, durata 100 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly