adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Arrow – Season 1

mercoledì 19 Giugno, 2013 | di Daniela Bressanutti
Arrow – Season 1
Serie TV
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Una freccia che buca lo schermo e non fallisce
Ispirato al fumetto Freccia Verde della DC Comics, la serie che si è dimostrata essere la rivelazione di questa stagione televisiva è sicuramente Arrow.

Il protagonista è Oliver Queen, rampollo scapestrato e donnaiolo di una ricca famiglia di Starling City. Questi, dopo esser stato per cinque anni su un’isola deserta in seguito ad un naufragio, torna alla città natale con il monito di ripulirla dalla criminalità. A spingerlo a tale ideologia è suo padre, anch’egli naufrago, il quale, prima di mediacritica_arrow_2suicidarsi, fa ad Oliver uno strampalato discorso etico e moralista. In seguito il ragazzo troverà sul cadavere un libretto apparentemente privo di scritte, ma che in verità contiene una lista cospicua di nomi di importanti membri dell’élite di Starling City, i quali, dopo attente ricerche, risultano essere dei criminali. Sarà quindi compito dell’Incappucciato porre fine alle loro malefatte, grazie alle varie tecniche di combattimento che Oliver ha acquisito misteriosamente sull’isola. Arrow risulta essere una serie tv ottimamente costruita: i personaggi sono credibili e coerenti alla diegesi del racconto, gli attori che li interpretano calzano a pennello, le tempistiche narrative creano il giusto equilibrio tra suspance e conferma delle attese, c’è la giusta dose di azione ma anche di contenuti, la fotografia regala atmosfere fumettistiche senza scadere nel trash. In questo modo vengono accontentati tutti, dai ragazzi appassionati di fumetti, alle giovani ammaliate dai muscoli di Stephen Amell (non c’è puntata in cui lui non si alleni a torso nudo), agli amanti del live-action (non c’è puntata in cui non facciano a botte a colpi d’arti marziali), fino ai più incalliti detective che vogliono scoprire il segreto che si nasconde tra la criminalità di Starling City. Superato l’unico scoglio, il riassuntone iniziale ad ogni puntata su chi è Oliver Queen – che in verità costituisce la sigla di Arrow, cosa a cui eravamo abituati (ovvero già infastiditi) dai tempi di Alias – tutto il resto lascia soddisfatti. Nell’arco di ventitre episodi, oltre a combattere diversi “cattivi di turno” ed altri antagonisti più persistenti, si arriva a scoprire una buona parte della storia passata, quel tanto da capire come e perché Oliver abbia acquisito capacità combattive e di sopravvivenza estreme. Nel proseguo della storia infatti si inseriscono i flashback che riguardano gli anni sull’isola man mano che Oliver continua la sua ritrovata -e sdoppiata- vita a casa. Ma c’è un ulteriore aspetto che forse è quello che più fa affezionare ad Oliver e all’Incappucciato, ed è il personaggio stesso: pur trattandosi di un supereroe, perché non si può definire altrimenti uno che cammina sui muri, egli non ha superpoteri ma solo tanto esercizio e dedizione; allo stesso tempo è un giustiziere ma è anche umano, ed esita quando si tratta di giudicare persone a lui care. L’empatia che noi spettatori proviamo nei confronti di Oliver lo porta al nostro stesso livello, è uno di noi. E quindi per proprietà transitiva noi ci convinciamo di poter essere lui. Senza pozioni magiche, senza ragni radioattivi, senza temere la kriptonite. Un po’ Batman, un po’ Robin Hood. Come si fa a non amarlo?

Arrow [id., USA 2012] IDEATORI Greg Berlanti, Marc Guggenheim, Andrew Kreisberg.
CAST Stephen Amell, Katie Cassidy, Colin Donnell, David Ramsey, Willa Holland, Susanna Thompson.
Azione/Avventura, durata 45 minuti (episodio), stagioni 1.

Arrow – Season 1
4 1 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly