adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Goodbye Tony

mercoledì 26 Giugno, 2013 | di Sara Martin
Goodbye Tony
Editoriale
0
Facebooktwittermail

È passata una settimana e la scomparsa improvvisa di James Gandolfini non è più nelle prime pagine di siti, giornali e social network. Tuttavia, dato che Mediacritica si concede il lusso di riflettere sui film e sui media senza l’obbligo di intervenire “a caldo”, posso ricordare, anche se lo hanno già fatto in molti in questi giorni, una figura fondamentale del cinema e della televisione della nostra epoca attraverso il suo personaggio più grande: Tony Soprano.

E’ lui l’unico protagonista di The Sopranos (1999-2007), la serie via cavo più popolare e più premiata della storia della televisione americana (cinque Golden Globe e ventuno Emmy), fiore all’occhiello della New Golden Age.mediacritica_goodbye_tony
Tony Soprano è un uomo malinconico, non riesce a collocarsi nel tempo in cui vive e non può cambiare nè il mondo che lo circonda nè se stesso e, a scanso di equivoci, afferma la sua condizione in voice over, nelle prime inquadrature del pilot – Affari di famiglia: “È bello lanciarsi nelle cose quando sono ancora agli inizi. E io sono arrivato un po’ troppo tardi, questo è chiaro. Ma da un po’ di tempo ho la sensazione di arrivare sempre quando tutto sta finendo, e il meglio è già passato.” Tony è diventato boss del Jersey per eredità, non per sua volontà. Sa essere spietato, cinico, crudele ma non ha cercato questa vita: semplicemente non ha avuto scelta. Ha in sé la ferocia di Michael e l’irascibilità di Sonny (Il Padrino), l’incandescenza di Henry e la follia di Tommy (Quei bravi ragazzi), ma è anche un uomo Made in America (titolo dell’ultimo episodio della serie), frutto della stratificazione culturale contaminata, ibridata, reinterpretata in una macro idea di “americanità”. Il modello arcaico del Padrino a cui Tony aspira non è che una lontana leggenda. Deve invece raccogliere la poco edificante eredità lasciatagli da Henry Hill (Quei bravi ragazzi) che, in voice over, nell’ultima scena del film, con sguardo in macchina si confessa allo spettatore: “Noi gestivamo tutto, […] le cose appartenevano a chi se le prendeva e adesso è tutto finito. È questa la parte più dura. Oggi è tutto diverso, non ci si diverte più. Io devo fare la fila come tutti gli altri […] Sono diventato una normale nullità. Vivrò tutta la vita come uno stronzo qualsiasi.” Perpetrando lo stesso gesto di Henry, Tony continua, stagione dopo stagione, a raccogliere mestamente il giornale in fondo al vialetto in attesa di un cambiamento che non arriverà mai. Con Tony Soprano James Gandolfini ha cambiato per sempre la storia della televisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly