adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

World War Z

sabato 29 Giugno, 2013 | di Filippo Zoratti
World War Z
Speciale
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE NUOVI ZOMBI
Zombies for Dummies
Occorre sgomberare subito il campo da possibili fraintendimenti: World War Z è un blockbuster, un prodottone mainstream costruito ad hoc per sfamare – è il caso di dirlo – i non sempre raffinatissimi palati hollywoodiani. Non che sia un male a prescindere, non è un discorso di condanna a priori.

Ma è indubbio che, man mano che l’ultimo film di Marc Forster dipana la propria matassa, si faccia strada il sospetto (poi convinzione) che tutto sommato quello dell’apocalisse zombi non sia che un pretesto. Pretesto per una narrazione fondata sul solito schema americano dell’equilibrio familiare scosso (“Ragazze, dentini e bisognini e poi a nanna”),mediacritica_world_war_z3a della separazione dolorosa e della lotta di un “uomo solo al comando” per ripristinare l’ordine. World War Z è il giocattolone di Brad Pitt, innamoratosi a tal punto del romanzo omonimo di Max Brooks (figlio di Mel) da acquistarne i diritti e produrne – con la sua Plan B – una trasposizione. Con 170 milioni di dollari a disposizione tutto è possibile. Soprattutto a livello visivo, perché se c’è un elemento destinato a restare nella memoria di sicuro è la straordinaria profusione di scene di massa zombesche, impressionanti e vertiginose. Ci si spaventa di fronte alla muraglia israeliana presa d’assalto, così come per il formicaio di non-morti inquadrato dall’alto. Per il resto lo svolgimento convenzionale degli eventi permette anche di ragionare sulla pressoché totale bidimensionalità dei personaggi, sulla banalità di alcuni concetti di fondo (“Ogni essere umano che salviamo è uno zombi in meno da combattere”) e su alcuni passaggi di sceneggiatura risibili (la morte del talentuoso immunologo). Risulta abbastanza inedita per il genere, invece, la conoscenza pregressa del “fenomeno zombi”, vissuto come un’assurdità da film che nella realtà non può accadere. In più occasioni Pitt interroga gli esperti che incontra sulla natura dell’epidemia: “State davvero parlando di zombi?”, come a dire che la fantasia ha sconfinato nel mondo reale, che l’umanità ha perso il controllo perché faccia a faccia con un fenomeno “letterario”, dunque irreale. Pare che le cause del Male siano la malnutrizione mondiale, la mancanza d’acqua, la sporcizia. Lo stesso Forster ce ne dà conferma: “I miei zombi sono una metafora della sovrappopolazione e della mancanza di risorse per sostenerla”. Eppure anche se fra le righe dell’exploitation si intravedono motivazioni politiche e sociali, è tutto un iperbolico riciclo. La ricerca delle motivazioni della pandemia era già stata trattata – e meglio – da Soderbergh in Contagion, la geniale via d’uscita per debellare il nemico puzza un po’ troppo di Guerra dei mondi. E se al posto di violentissimi (e velocissimi) zombi ci fossero – per dire, ricalcando uno dei cliché dell’industria Usa – i nordcoreani di Attacco al potere davvero poco cambierebbe nell’economia della vicenda.

World War Z [Id., USA/Malta 2013] REGIA Marc Forster.
CAST Brad Pitt, Matthew Fox, Pierfrancesco Favino, Moritz Bleibtreu.
SCENEGGIATURA Damon Lindelof, Matthew Michael Carnahan, Drew Goddard. FOTOGRAFIA Robert Richardson. MUSICHE Marco Beltrami.
Horror/Azione/Thriller, durata 116 minuti.

One Comment

  1. Piede 74 says:

    Lo passano stasera su Canale 5 se non sbaglio! Ma questo articolo non è che mi inviti molto alla visione… Più che altro mi è venuta voglia di recuperare Contagion!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly