adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’alba dei morti viventi (2004)

mercoledì 3 Luglio, 2013 | di Filippo Zoratti
L’alba dei morti viventi (2004)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE NUOVI ZOMBI, II PARTE
Imitation of (no) Life
Gli Stati Uniti sono invasi da temibili zombi, cadaveri che per motivi poco chiari tornano in vita con impulsi cannibaleschi. Un gruppo di persone cerca di resistere e si barrica in un centro commerciale, luogo in cui si svolge gran parte dell’azione.

L’allegoria, valida trent’anni fa grazie a Mister George A. Romero, regge anche ai giorni nostri: L’alba dei morti viventi punta il dito contro l’umanità intera, rea di immonde atrocità e inquietanti cattiverie, ottusa nelle sue convinzioni e nel tentativo di omologazione anche verso chi ha aperto gli occhi al mondo. Tutto ciò che riguarda forme di vita “alternative” superando i confini della razionalità (zombi, vampiri, ufo) stuzzica la nostra sensibilità e crea tensione,mediacritica_l_alba_dei_morti_viventi fin qui non v’è dubbio. Ma al di là di questo ben presto ci si accorge che alla violenza, ai mostri e ai racconti orripilanti siamo tutti ormai assuefatti e che un rifacimento pedissequo di un successo non vuol dire di nuovo successo. Anche ai remake servono originalità ed innovazione. Il genio di Romero mescola(va) visionarietà, iperrealismo, grottesco, oltre ad una sempre più dichiarata critica socio-culturale. Una copia non può produrre lo stesso effetto, e anche se l’intento è rendere omaggio ad un grande maestro, praticare la via dell’imitazione virtuosa è fin troppo facile. Facile ma non condannabile, nel caso di un genere dalle connotazioni “obbligate” che concede minime variazioni. Naturalmente a questo punto un’eccezione non può far altro che confermare la regola, e la memoria non può non tornare ad un’opera ampiamente più significativa, di poco precedente: 28 giorni dopo di Danny Boyle. Il soggetto è più o meno lo stesso, con un’epidemia che decima la popolazione e i superstiti che cercano un rifugio sicuro. Ma in quel caso la mano del regista si sente: i “mostri” non sono morti viventi sbucati dal nulla, ma persone contagiate da un virus permanente di rabbia, trasmessa da scimmie evase da un laboratorio; al clima apocalittico viene dato nuovo risalto, con le suggestive inquadrature di una Londra deserta vista con gli occhi del protagonista; al significato originario si aggiunge una nuova sorprendente polemica antimilitarista e anche il finale si discosta da un irrimediabile pessimismo imperante. In sostanza, il film di Boyle non ragiona per accumulazione, e sostituisce alla “quantità” la “qualità” delle scene descritte. Anche se all’epoca l’esordio di Zack Snyder venne salutato come un fulmine a ciel sereno – di solito citando il parto zombi e il piglio da centometristi dei non morti – a distanza di quasi dieci anni e di decine di altri film basati sul franchise zombesco l’evidenza dei fatti prende sempre più forma: L’alba dei morti viventi è un buon esercizio di stile, e nulla più.

L’alba dei morti viventi [Dawn of the Dead, USA 2004] REGIA Zack Snyder.
CAST Jake Weber, Sarah Polley, Ving Rhames, Mekhi Phifer.
SCENEGGIATURA James Gunn. FOTOGRAFIA Matthew F. Leonetti. MUSICHE Tyler Bates.
Horror, durata 104 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly