adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Mad Men – Season 6

mercoledì 10 Luglio, 2013 | di Chiara Checcaglini
Mad Men – Season 6
Serie TV
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

L’uomo che visse due volte
Arrivati alla sesta stagione sappiamo bene che il protagonista assoluto di Mad Men è Don Draper, e che la serie è la disamina di chi sia realmente e cosa vada cercando un uomo che ha già vissuto un paio di volte.

La sesta stagione si veste in parte di nuovo, in linea con l’ambientazione: è il 1968, irrompono barbe e basette e i luoghi di lavoro si aprono all’anticonformismo, come dimostrano le abitudini lavorative del team creativo. Tra le rivoluzioni strutturali importanti si annovera la creazione della super agenzia nata dalla fusione della SCDP con la Cutler, Gleason and Chaugh di Ted, che ri-intrappola Peggy all’ombra ingombrante di Don Draper. mediacritica_mad_men_6Se uno dei temi della stagione precedente era il diffuso senso di insciurezza e di violazione privata, espresso da casi di cronaca nera e errori personali pagati cari, in questa i traumi storici fanno da violento contraltare al proliferare di stati allucinatori e sequenze oniriche che segnano lo “spirito del tempo” (l’assurda 6×08, “The Crash”). Mai come in questa stagione Weiner e soci si sono divertiti a disseminare indizi e presagi di morte: così il Web è esploso di congetture sulla maglietta di Megan-Sharon Tate, sull’intrusa a casa Draper, sui vari segnali di un potenziale suicidio di Don (compreso l’esplicito faccia a faccia di Don con la propria morte nella perturbante immagine della piscina in 6×10, “A Tale of Two Cities”), solo per distrarci dalla composizione di un puzzle molto più complesso di significati. La morte di Martin Luther King e di Bobby Kennedy, le rivolte degli afro-americani, la guerra in Vietnam e le dimostrazioni pacifiste represse nel sangue sono eventi di dimensioni troppo vaste per essere ignorati persino da uno come Draper: rimangono a incombere sullo sfondo come le onnipresenti sirene che solcano New York, che paiono mettere in guardia i personaggi dall’instablità delle proprie certezze. Don Draper si attorciglia sempre di più su se stesso, inciampando anche sul lavoro, ricadendo nei vizi di sempre (il tradimento), senza ricavarne soddisfazione né sollievo da alcuna responsabilità – ma l’hanno mai fatto? Due momenti segnano una deviazione di Don dalle sue abitudini di fuga e, più che i flashback un po’ troppo didascalici per gli standard di Mad Men, la sua sovrapposizione con Dick Whitman: l’insolitamente toccante riflessione detta a Megan sul rapporto tra padri e figli che chiude la 6×05, “The Flood”, e la straziante presentazione del finale, 6×13 “In Care Of”, confidenza che potrebbe essere falsa ma che è talmente fuori luogo da essere probabilmente vera, che dà il via a un finale in cui alla letterale sconfitta del protagonista corrisponde uno strano senso di pacificazione. Per arrivarci Don si è reso responsabile dell’intollerabile delusione inferta a Sally, di meschinità egoistiche nei confronti di Peggy, di leggerezze che hanno ferito Joan, e Ted, e Megan: tenterà di risarcire alcune e lascerà degenerare altre. Intorno a lui, tutti cercano di raggiungere qualcosa: più fama (Megan) o il riconoscimento delle proprie capacità (Joan) o il miraggio di una ricomposizione di qualcosa che si è perso (Los Angeles diventa il luogo della “vita nuova”); e scopriamo che il modello identitario Draper è imitabile (e che Bob Benson è uno dei personaggi più geniali dell’intera serie). Il finale di stagione è perfetto, e ci lascia con uno strano senso di calma che è probabilmente lo stato d’animo più giusto per attendere la stagione conclusiva che si preannuncia, comunque vada, epocale.

Mad Men [Id., USA 2007] IDEATORE Matthew Weiner.
CAST Jon Hamm, Elisabeth Moss, January Jones, John Slattery, Jessica Paré, Vincent Kartheiser, Christina Hendricks.
Drama, durata 45 minuti (episodio).

Mad Men – Season 6
5 1 100%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly