adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il tesoro del passato

mercoledì 17 Luglio, 2013 | di Roy Menarini
Il tesoro del passato
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Reduci da una delle più entusiasmanti edizioni del festival bolognese Il Cinema Ritrovato, sfogliando un librone curato da Alex Marlow-Mann sugli archival film festival (quelli, appunto, dove si vedono solo vecchi film e nessun nuovo inedito), e in attesa di gustarsi nel vuoto della tv estiva il cinema classico (un sacco di Cukor e Lubtisch su RaiMovie, per esempio), vale la pena fare una riflessione.

La cultura del rétro e dell’heritage sembra sempre più forte. Gli appuntamenti dedicati al cinema del passato rischiano di fiaccare la voglia di contemporaneo. Persino una sezione solitamente defilata come Venezia Classici, quest’anno scatena una potenza di fuoco sorprendente, visto che sono stati annunciati, tra gli altri, rarità come Le 15 d’Août di Chantal Akerman (1973),mediacritica_il_tesoro_del_passato Little Fugitive di Ray Ashley, Morris Engel, Ruth Orkin (1953), il mitico Sorcerer (Il salario della paura, 1977) di Friedkin – Leone d’Oro alla carriera – e poi ancora La bête humaine di Renoir, Providence di Resnais, White Rock di Tony Maylam, Il mio amico Ivan Lapshin di Aleksey Guerman Sr, Mahapurush (The Holy Man) di Satyajit Ray, Yangguang canlan de rizi (In the Heat of the Sun) di Jiang Wen, Fiori d’equinozio di Ozu, Yoru no henrin (The Shape of Night) di Noboru Nakamura e altre decine di cose. Un festival nel festival, che per molti appare assai più eccitante del resto del cartellone. Ora, a fare questi discorsi si può apparire retrogradi, nostalgici o conservatori. Ma non è così. Le modalità di circolazione del cinema del passato, dal classico al world cinema, dal muto al moderno, sono talmente proliferate e entusiasmanti che stanno creando un vero e proprio segmento culturale e di consumo. Non solo il mercato del DVD di pregio e del DVD “film history” funziona bene – a patto di fare buoni prodotti (vedi le edizioni Criterion, Flicker Alley, Raro Video, ecc.) – ma anche i festival stanno sempre più attrezzandosi in tal senso. La storia del cinema, ovviamente, non è un catalogo infinito, ma il gioco sta negli accostamenti, nella cinefilia bulimica e nell’arte curatoriale della programmazione. Niente male, per un’arte che sta(va) morendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly