adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Bernardo Bertolucci

sabato 24 Agosto, 2013 | di Eleonora Degrassi
Bernardo Bertolucci
Festival
0
Facebooktwittermail

SPECIALE AUTORI VENEZIA 70
Sogna, ragazzo sogna
È un cinema del profondo sentire declinato in tutte le sue espressioni più calde, tormentate e “patetiche” quello di Bernardo Bertolucci, presente alla 70a Mostra del Cinema di Venezia in qualità di Presidente di giuria. La sua è un’opera scandalosa, intellettuale, autoriale, che in virtù del background culturale, della fede politica, dell’assenza di credo religioso non ha paura di raccontarsi.

Sviscera erotismo – violento, estremo (Ultimo tango a Parigi) e incestuoso (La luna) –, crisi – quella morale e sociale (Prima della rivoluzione), di chi si affaccia al mondo (The Dreamers), quella di chi, attore di un’esistenza sbagliata, deve vendicarsi di qualcosa (Il conformista) –, morte (La commare secca, Il tè nel deserto), “mancanze” – del padre (Io ballo da sola), di una guida, di sé. Bertolucci è pronto a perlustrare ogni centimetro di carne, ogni mediacritica_bertolucci1apensiero nella testa, pronto a ricercare il piacere nel volto e nel corpo dei suoi attori. L’unico in grado di indagare le bandiere rosse con spirito noir, di descrivere l’impeto della rivoluzione prima che essa avvenga, analizzando attraverso le storie dei singoli tanto il comunismo (in Italia, in Francia, in Cina) quanto il fascismo, mettendo al centro gli ultimi e i primi, i borghesi e i proletari, squassando lo spettatore con singhiozzi e spasmi di pietà e nausea. Spesso i suoi protagonisti sono soli, disperati, in balia di loro stessi e degli eventi, in attesa o alla ricerca di qualcosa, in partenza o appena arrivati. Al centro ci sono i corpi, “pianeti” che vagano, si contorcono, si tormentano, ma anche oggetti desideranti che si intrecciano e avviluppano l’uno all’altro. Si desiderano Maria Schneider e Marlon Brando, in Ultimo tango a Parigi, sconosciuti, che consumano e si consumano rotolando in uno sconsolato orgasmo di solitudine e disperazione. Rinchiusi in un vuoto e minimale appartamento – tema caro all’autore – l’uomo e la donna si possiedono, si odiano, urlando e “vomitandosi” addosso tutto il disagio e il mal di vivere. In un altro appartamento, in The Dreamers, i fratelli Isabelle e Théo, legati da un rapporto inscindibile, figli della borghesia francese, si toccano, si vogliono, si amano. I due portano nel loro mondo, fatto di cinefilia e erotismo, l’americano Matthew, che resta affascinato e imprigionato tra sesso e cinema. In Io e te ci sono altri due giovani, Lorenzo e Olivia, che si rinchiudono in un piccolo “paradiso”, un utero-prigione, in cui ci si racconta paure, solitudini, speranze. Bertolucci, costretto a causa della malattia all’immobilità, mette in scena un’altra volta la claustrofilia (l’amore per i luoghi chiusi in cui ci si rifugia, ma dove anche si trova ispirazione), l’“appartamento”, nel senso dell’appartarsi, del tagliarsi fuori dal mondo per trovare il proprio posto. Bertolucci è un cineasta atipico e affascinante, al di là dello scandalo, oltre al dogmatismo, che ci consegna un’opera filtrata attraverso la psicanalisi, la dottrina marxista, la musica di Verdi, la Nouvelle Vague e il cinema hollywoodiano. Sulle note di una danza (fondamentale in Bertolucci è la musica) erotica e col pugno alzato, “ambigua” ed esistenziale, indaga il dentro, tramutandolo in fuori, esplora l’intimo, facendo emergere le voglie più nascoste, tirando fuori l’io più profondo che, una volta venuto alla luce, spesso, si dimostra estraneo a se stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly