adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Philippe Garrel

sabato 24 Agosto, 2013 | di Marco Longo
Philippe Garrel
Festival
0
Facebooktwittermail

SPECIALE AUTORI VENEZIA 70
La cicatrice permanente
Sparute frange di cinefili a parte, l’Italia che va in sala non conosce il cinema di Philippe Garrel e ne ignora la commovente capacità di intercettare, film dopo film, la ferita reale di un occidente lacerato tra la nostalgia e il declino.

Chi – come Enrico Ghezzi con Fuori Orario – ha voluto difendere gli ultimi spazi disponibili per accedere all’opera di Garrel, sa bene che i suoi film, prima che opere d’arte fatalmente mancate, sono ossessioni inguaribili e palpitanti, divise tra memoria personale e bilanci sulla Storia, capaci di raccontare il nulla dei sentimenti, e quindi di raccontare tutto. Figlio dell’attore Maurice e padre del promettente Louis, entrambi presenze fantasmatiche del suo cinema, mediacritica_garrel1aPhilippe Garrel ha operato una parabola autoriale eclettica e complessa, che oggi si tende ad articolare in stagioni senza volerne svilire la durevole coerenza. Destinato a rimanere l’unico erede del cinema di Bresson e Godard, Garrel comincia a lavorare ai propri film già negli anni Sessanta, quando la sua ricerca si caratterizza per una forte componente sperimentale, di cui Le Révélateur (1968), film muto, freudiano, fatto di tunnel, foreste, percorsi contorti, è l’esempio più memorabile. Negli anni Settanta la relazione con Nico e la prossimità al cinema underground danno vita a opere ancor più radicali, estranee all’industria, vere e proprie proposte sensoriali dove l’attenzione alla “liturgia dei corpi” (Deleuze) e il gusto per l’inquadratura lunga, fatta di carrellate magnetiche ed estenuanti, prevalgono ancora una volta sulla parola e sulla narrazione: è il caso de La Cicatrice intérieure (1971), film circolare e primitivo nel suo tentativo di mettere in scena, entro cornici desolanti e ostili (Dominique Noguez cita le tele simboliste di Puvis de Chavannes), l’emergenza del dissidio tra individuo e mondo e la tensione a catturare con la macchina da presa i sintomi genetici del processo figurativo. Questi e molti altri aspetti confluiscono nella produzione degli Ottanta, quando a prevalere è un ritorno alla realtà (la droga, l’HIV) e alla scrittura, sempre secondo schemi antinarrativi e destinando all’attore e al suo gesto una centralità disarmante, mentre la parola risulta sospesa, incapace di fare ordine, destinata a precipitare nell’ennesimo silenzio. Di questo si nutrono le prove della maturità, a partire da quel ritratto minimo e insieme massimalista che è J’entends plus la guitare (1991), film straziante nel riuscire a restituire, come un’epifania, la fine della giovinezza e la natura frammentaria dell’esperienza amorosa, fino al lungo travaglio immaginifico che porta a Les Amants réguliers (2005), premiato per la regia e lo splendido bianco e nero a Venezia, definitivo omaggio al 68′ parigino e al suo cinema (e all’amico Jean Eustache), sintesi profonda di un’intera epoca perduta, quella della contestazione e dell’amore libero, della sperimentazione e della psichedelia, quando le relazioni fra gli individui riflettevano una precisa prospettiva sul mondo. Lontano da quell’epoca e dalla sua utopia, anche il presente è un campo di battaglia per i sentimenti di chi ha perduto se stesso e, dentro di sé, porta la cicatrice congenita e permanente di un’intera realtà disorientata. Come suggerisce Jean-Pierre Léaud a Lou Castel in La Naissance de l’amour (1993), tutto l’occidente soffre per la perdita del destino, e girovaga a caso. In questa assoluta malinconia si colloca il cinema di Philippe Garrel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly