adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Terry Gilliam

sabato 24 Agosto, 2013 | di Daniel Paone
Terry Gilliam
Festival
0
Facebooktwittermail

SPECIALE AUTORI VENEZIA 70
Ipotesi e certezze
Ci aveva scherzato ai tempi dei Monty Python sul senso della vita. Questa volta, invece, Terry Gilliam sembra fare sul serio e a distanza di quattro anni da Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo, il suo nuovo film arriva a Venezia con la promessa di svelare il mistero dell’esistenza.

Tra gli spettatori del Lido cresce l’attesa; ma non è il Sacro Graal del maestro ad incuriosire cinefili e addetti ai lavori, anche perché, chi memore di aver vissuto le stesse aspettative in passato, teme che il tutto possa rivelarsi una bolla di sapone come fu per il The Fountain – L’albero della vita di Aronofsky,mediacritica_gilliam2a che, nel 2006, acclamato all’arrivo, finì solo col prendersi una bordata di fischi in sala. Da quel poco che si conosce di The Zero Theorem, è più facile ipotizzare un film grottesco in un futuro a metà strada tra Matrix e Strange Days piuttosto che un’opera esistenziale in stile Aronofsky o Malick. La storia – ambientata in un mondo distopico dove un sistema di sorveglianza controlla la popolazione – dovrebbe raccontare la vita solitaria di un hacker (Christoph Walt), distratto da una donna virtuale, mentre lavora alla ricerca di una spiegazione definitiva sull’origine della vita.
Ad ogni modo, impossibile trovare delle anticipazioni nella trama o immaginare come sarà realmente rappresentata quando ad elaborarla è l’ironico autore del Monty Python’s Flying Circus, il regista visionario ed eclettico di Brazil e Paura e delirio a Las Vegas, lo stesso capace di trasformare un’opera sperimentale come La jetée di Chris Marker in uno straordinario thriller fantascientifico fedele alle regole di una classica produzione hollywoodiana. Nei recenti I fratelli Grimm e l’incantevole strega, Tideland e Parnassus, Gilliam sembra meno ambizioso e orientato verso i toni più leggeri della commedia fantasy, ma l’inconfondibile stile del regista di Minneapolis si vede anche dietro lavori commerciali dove continua a rimodellare immagini e contenuti per trasformarli in un’estetica personale volta ad amalgamare forme d’arte differenti, con ironia, sarcasmo e trovate fuori dal comune. È forse l’unico regista contemporaneo che ci ricorda il grande Orson Welles, con il quale condivide, se non altro, la sfortuna di non essere mai riuscito a portare a termine tutti i progetti che avrebbe voluto realizzare. L’unico dubbio sulla riuscita di The Zero Theorem è proprio legato alle difficoltà incontrate durante la produzione. Per tre anni il progetto rimase accantonato e Gilliam decise di abbandonarlo e girare i due cortometraggi The Legend of Hallowdega e The Wholly Family. Appena ricominciarono i lavori sul set, nel 2012, le riprese vennero spostate in Romania. Christoph Waltz sostituì Billy Bob Thornton, Dean Zanuck prese in mano la produzione a causa della morte del padre Richard, avvenuta nello stesso anno. Alla fine di un cammino travagliato, c’è ora grande curiosità di sapere qual è il prodotto finale. Scampato il pericolo di trovarci di fronte ad un altro Don Chisciotte (come raccontato in Lost in la Mancha di Keith Fulton e Louis Pepe), anche se non troveremo risposte alle domande che da secoli tormentano l’umanità, siamo sicuri (vogliamo sperarlo) che l’inventiva di Terry Gilliam ci regalerà qualcosa in più delle solite distopie futuristiche da troppi anni riproduzioni scontate di modelli già visti in passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly