adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Per chi la Mostra la vive da lontano…

mercoledì 4 Settembre, 2013 | di Sara Martin
Per chi la Mostra la vive da lontano…
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Chi, come la sottoscritta, non si trova alla Mostra del Cinema di Venezia in questi giorni, si deve accontentare di respirare il clima festivaliero da casa, attraverso le opinioni dei recensori, attraverso le foto scattate sul red carpet e pubblicate ovunque, attraverso il bombardamento d’impressioni, emozioni, commenti depositati sui social network.

Sarebbe meglio frequentarli i festival che commentarli da lontano, ma anche questamediacritica_editoriale_04.09.13 pratica può dare un certo grado di appagamento dato che fino a quando non vedi qualcuno o qualcosa di persona, allora te li puoi immaginare proprio come li vorresti.
Le foto di Nicolas Cage, protagonista di Joe di David Gordon Green, con la barba lunga brizzolata, lo sguardo malinconico e quasi assonnato, mi fa pensare al suo Sailor Ripley (Cuore Selvaggio, 1990). Non potendo parlare del film di Green per ovvie ragioni, mi concedo il lusso di guardare le immagini di Cage/Joe in questi giorni (non il Cage sul tappeto rosso, quella è la persona, non il personaggio. Un’altra cosa) e di fantasticare su Sailor Ripley, invecchiato di un quarto di secolo. Forse è solo lo stato del Texas a unire i due personaggi ma è un gioco che non ha regole. E allora mi servo di queste poche righe per ricordare il protagonista del road movie di David Lynch che fa di una straordinaria giacca di pelle di serpente “il simbolo della sua individualità e la sua fede nella libertà personale” e si fa lanciare un microfono nella sala polverosa di un locale notturno per cantare alla sua fidanzata Lula (Laura Dern) “Love me” di Elvis. Scena, canzone e personaggio meritano di essere adorati all’infinito e vagheggiare sulla foto di Joe, immaginando un Sailor cinquantenne è irrazionalmente nonsense quanto gratificante!

Ps. Cuore Selvaggio ha vinto la Palma d’Oro a Cannes nel 1990 contro il parere dei giurati e solo per volontà dell’allora presidente Bernardo Bertolucci, magari questo ricordo è un buon segnale per il verdetto che attendiamo da lui nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly