adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La jalousie

sabato 7 Settembre, 2013 | di Marco Longo
La jalousie
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

70a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 28 agosto – 7 settembre 2013, Lido di Venezia

SPECIALE 70a MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA
In difesa delle cause perse
Lui, lei, la loro bambina, e un’amante che spezza il cerchio. La jalousie comincia con un primo piano della donna abbandonata, ma prima del pianto c’è il tempo per un sorriso trattenuto, quasi come se l’attrice ancora attendesse l’azione del regista.

Philippe Garrel parrebbe dare a credere che il cinema dei sentimenti, nella sua innocenza e brevità, altro non sia che un gioco, una divertita nostalgia che astrae i personaggi dalla realtà e li pedina a confronto con il solo loro mondo interiore, dove gli slanci casti e un po’ svogliati dell’innamoramento danno il via a un susseguirsi di incontri, mediacritica_la_jalousie1atenerezze, silenzi e seduzioni. Quella della rappresentazione giocosa, tuttavia, resta un’interpretazione parziale, perché il film si lega idealmente a un episodio autobiografico del regista, la storia cioè di suo padre Maurice che, attore di teatro, intorno ai trent’anni abbandonò compagna e figlio piccolo (Philippe, appunto) per andare a vivere con un’altra donna. Di fronte a questo cortocircuito cinema-vita La jalousie sembra allora raccontare sì di uomini e donne che amano e tradiscono, ma anche del rapporto tra padri, madri e figli, in un costante riproporsi di immagini familiari abbozzate e subito smarrite, nelle quali Garrel inscrive la propria ansia di riconciliazione verso la figura paterna. La gelosia cui allude il titolo non è soltanto il sentimento comunemente destinato agli amanti, ma una malinconia che tocca tutti, anche i bambini (una bravissima Olga Milshtein), una ferita impossibile da chiudere e proprio per questo preziosa, perché richiede di mettersi gli uni di fronte agli altri con riabilitante trasparenza, testimoni gli uni per gli altri della propria – fragile – umanità, senza alcuna censura. Per questo il film di Garrel, che fatalmente viene letto come una causa persa, un cinema in via d’estinzione, è tra i più lucidi nel raccontare la speranza dei sentimenti: lo fa costruendo un presente completamente depurato dall’attualità, che il bianco e nero di Willy Kurant radicalizza con coraggio e raffinatezza, e non temendo di indagare le zone d’ombra dell’illusione amorosa. Garrel ha sempre collocato all’ultimo piano di un palazzo, generalmente in cima a una faticosa rampa di scale, il luogo dei sogni e delle utopie: qui l’appartamento degli amanti è uno spazio stretto e insufficiente, scomodo proprio perché non si può vivere soltanto in due, perché non è possibile andare avanti con in testa la proiezione di un amore illimitato. Quel limite che occorre riconoscere all’amore sta nell’alterità uomo-donna e nel bisogno degli altri, specialmente dei figli, per guardare alle relazioni con acuto senso di mortalità, dunque di verità. Riconoscendo al cinema di non essere solo una divertita messinscena, ma l’espressione possibile dell’esistenza.

La jalousie [id., Francia 2013] REGIA Philippe Garrel.
CAST Louis Garrel, Anna Mouglalis, Olga Milshtein.
SCENEGGIATURA Philippe Garrel, Marc Cholodenko, Caroline Deruas-Garrel, Arlette Langmann. FOTOGRAFIA Willy Kurant. MUSICHE Jean-Louis Aubert.
Drammatico, durata 77 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly