adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il pasto nudo (1991)

sabato 19 Ottobre, 2013 | di Marco Longo
Il pasto nudo (1991)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE BEAT GENERATION
L’insetto sulla schiena
Naked Lunch raccoglieva al suo interno un inferno immaginifico in piena linea con il lavoro e la ricerca di David Cronenberg, e la sensazione è che il film tragga la sua forza proprio dalla capacità, da parte di un regista maturo e ormai proiettato verso i suoi capolavori, di trovare il corretto compromesso tra fedeltà al testo e rielaborazione della sua architettura, ottenendo un’opera differente e tuttavia rivitalizzando l’eredità profonda della visione di William Burroughs.

Del resto era il testo di partenza a nutrirsi deliberatamente e, con tossica ferocia, del mondo dei sogni, della giustapposizione cioè di parole e immagini, così come lo stesso Burroughs l’aveva definito. Truman Capote considerava Burroughs un dattilografo dotato di forbici e carta: un esploratore di ritagli e di sovrapposizioni, mediacritica_il_pasto_nudo_290potremmo dire, seguace del principio di cut-up di cui Naked Lunch era il primo grande esemplare in letteratura. Niente di più vicino al cinema, e al cinema di Cronenberg, a quella attitudine cioè di creare linee di associazioni tanto più autentiche quanto più invisibili o così frequentemente rimosse dall’essere umano. Far coincidere il racconto di un’allucinazione con un processo di dilatazione dalla coscienza, ecco cosa animava entrambe le opere: certo Cronenberg ha il vantaggio di rafforzare il proprio adattamento con innesti da ulteriori racconti e – specialmente – dalla biografia di Burroughs (l’episodio sconvolgente della morte della moglie), ma l’attenzione non si sposta dal problema della scrittura – potremmo dire della parola – come forma omicida di controllo, e il film amplifica la denuncia metaforica della società americana come mondo repressivo e violento, dove diversità e solitudine sono insieme la colpa e la pena. Cronenberg gioca con i generi del cinema (la fantascienza, l’horror, il noir, la spy story e la satira), con immagini disturbanti e viziate, capaci di sorprendere anche a distanza di vent’anni, ma nel plasmare le figure di corpi alieni, ombre animali e personaggi malati tiene chiaro e porta fino in fondo il meccanismo drammaturgico di un destino tragico del personaggio, la coazione a ripetere a cui è inconsciamente condannato. Filtrata attraverso i temi dell’allucinazione e della tossicodipendenza, Cronenberg insiste su quella perversione omnimorfa freudiana per cui la sessualità è insita in ogni cosa, può abitare ogni immagine, non possiede orientamenti definitivi di genere. Per queste ragioni, e per la sapiente colonna sonora di Howard Shore, con efficacissimi interventi jazzistici di Ornette Coleman, Il pasto nudo resta un film capace di abbattere la barriera tra finzione e realtà, sottrarre ogni possibile appiglio allo spettatore, costringerlo a vagare nei potenziali meandri della sua stessa mente.

Il pasto nudo [Naked Lunch, Canada/Giappone 1991] REGIA David Cronenberg.
CAST Peter Weller, Judy Davis, Ian Holm, Julian Sands, Roy Scheider.
SCENEGGIATURA David Cronenberg. FOTOGRAFIA Peter Suschitzky. MUSICHE Howard Shore, Ornette Coleman.
Fantastico, durata 115 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly