adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il tramonto del libro di cinema

lunedì 28 Ottobre, 2013 | di Roy Menarini
Il tramonto del libro di cinema
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Ricevo ancora molto spesso richieste da parte di laureati in vista di una possibile pubblicazione della propria tesi. Nella maggior parte dei casi, non sono tesi meritevoli di diventare volume, e gli studenti – in perfetta buona fede – sbagliano per il semplice fatto che qualcuno ha instillato loro l’idea che debbano pubblicare per legge di natura. Delle restanti tesi, che fare?

Le possibilità che una casa editrice che conta, di quelle rare rimaste ancora serie e autorevoli, si imbarchino in saggistica di giovani esordienti, sono pari allo zero. Di conseguenza, si finisce con l’approdare a editori improbabili che quasi sempre chiedono un contributo di pubblicazione, poi usano carta, grafica e packaging editoriale da denuncia penale, e infine tirano qualche centinaio di copie che finisce del tutto ignorato anche nelle librerie specializzate.mediacritica_il-tramonto-del-libro-di-cinema Meglio lasciar perdere.
Questo in generale. Il medesimo destino, tuttavia, si è ormai impadronito anche delle pubblicazioni maggiori, fatte da giovani e meno giovani ricercatori, o da critici di valore, e – anche quando faticosamente vengono pubblicate da editori di vaglia – cadono nel vuoto. Vivendo in una comunità scientifica coesa, posso assicurare che tra colleghi è rarissimo notare, leggere e poi discutere insieme un libro della nostra disciplina. Pur non essendo un nostalgico dei bei tempi che furono, la situazione mi pare preoccupante, perché è come se la crisi del settore librario nel suo complesso abbia sterilizzato e privato di qualsiasi interesse le pubblicazioni di settore, che esistono quasi solamente grazie alle adozioni universitarie. E dire che la ricerca e la critica, nel loro complesso, vivono un periodo fertile. Non solo i dottorandi e i giovani ricercatori, in media, sono più preparati di un tempo, ma i libri di cinema comparsi negli ultimissimi anni meritano più di un’attenzione. Per dire: Da Ercole a Fantozzi di Giacomo Manzoli rivoluziona il modo di guardare al cinema popolare superando di slancio le contrapposizioni buon gusto/cattivo gusto e conservatorismo/trash che avevano finora polarizzato il dibattito; L’invenzione del luogo curato da Andrea Minuz rilancia la nozione di immaginario e di spazio mettendosi alle spalle le ormai vetuste nozioni di rappresentazione classica o moderna; Ciò che brucia (non) ritorna curato da Giulio Bursi e Simone Venturini rimette in gioco il tema della filologia e del restauro con la faretra piena di idee innovative; l’intera collana “Italiana” del Castoro introduce nuove metodologie nello studio del nostro cinema, che a sua volta subisce revisioni epocali in Gli anni affollati di Claudio Bisoni (sulla cultura cinematografica anni Settanta) e in Anni Ottanta: quando tutto cominciò curato da Paolo Mattera e Christian Uva; persino i sepolcri imbiancati come il neorealismo sono stati riconsiderati con un approccio nuovo e ineccepibile in Il cinema neorealista curato da Paolo Noto e Francesco Pitassio, per non parlare di operazioni più piccole ma non meno sorprendenti quali Leggeri come in una gabbia di Alessandro Faccioli (sul comico in Italia dal ’30 al ’44). Potrei citarne molti altri, ma il rammarico delle occasioni sprecate e la sensazione di un’indifferenza nei confronti dei libri di cinema (indipendentemente dal formato cartaceo o digitale) rimangono difficili da digerire. Forse è venuto il momento (lo dice un grafomane compulsivo) di scrivere di meno e leggere di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly