adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Qué pena tu boda

lunedì 28 Ottobre, 2013 | di Martina Bigotto
Qué pena tu boda
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Festival del Cinema Latino Americano, 19-27 ottobre 2013, Trieste

Cile, paladino prediletto del Festival Latino Americano
Il sipario del Festival si è alzato appena da alcuni giorni, eppure è già evidente che tra i protagonisti indiscussi di quest’edizione c’è senz’altro il Cile: da sempre molto partecipe nella kermesse triestina, quest’anno, concorrendo con svariati film, non solo potrebbe concretamente riuscire ad accaparrarsi un premio ma di fatto è già riuscito a ritagliarsi un posto al sole di tutto rispetto grazie a una eterogenea gamma di opere, sia recenti che risalenti all’epoca del cinema muto, presentata nell’ottica di far vivere agli spettatori un vero e proprio excursus storico-culturale su questo peculiare paese latinoamericano.

In questo specifico contesto risulta particolarmente interessante e degno di nota il lungometraggio Qué pena tu boda. Conosciutisi a scuola, Javier e Ángela hanno trascorso gli ultimi vent’anni a spronarsi e a consolarsi mediacritica_que_pena_tu_boda_290reciprocamente. Il precedente capitolo cinematografico aveva raccontato la pazienza e la perseveranza della ragazza che pur assistendo ai clamorosi insuccessi sentimentali dell’amico decide di perseverare nel tentativo di conquistarlo. Ora li ritroviamo decisi a compiere finalmente il grande passo, sebbene in preda a dubbi e perplessità. Il progetto dovrà però presto fare i conti con la mancanza di dialogo con i rispettivi genitori, la paura d’invecchiare delle madri, una gravidanza indesiderata e le avances di pretendenti pronti a tutto e armati di insidiosi social network. Apparentemente il film sembra delinearsi come una sorta di bizzarra variante sudamericana delle più conosciute – e meglio distribuite – commedie sentimentali statunitensi. Ma oltre all’evidente comicità della storia e alle sue gag dal sapore romantico e spiccatamente trash, se ci si concentra sulle continue incursioni degli istrionici personaggi secondari, si riuscirà a intravedere la critica agrodolce che López, pur prendendo spunto dalle vicende dei giovani rampanti e altamente formati della borghesia di Santiago, vuole comunicare al di fuori dei confini cileni. Sebbene in alcune scene sia esilarante vedere con quanta paradossale facilità Javier ottenga un’esponenziale ascesa sociale e lavorativa attraverso i social network, è altrettanto impressionante assistere a come – sempre attraverso qualche semplice click – il suo nome poi possa venire al contrario irrimediabilmente infangato. Ciò non può che far riflettere: e non solo perché è molto probabile che in futuro questa forma di comunicazione e socializzazione virtuale – non sempre desiderata né desiderabile – induca grossi cambiamenti, ma semplicemente perché essa già ora riesce a imporsi senza particolari difficoltà nella nostra realtà, in particolar modo tra i più giovani. Ma il film non si limita a questo messaggio e vuole farsi specchio di una realtà aleatoria, dove si condivide con il popolo della rete ciò che si fa e chi si frequenta sperando di ottenere un ampio consenso (se non reale perlomeno virtuale), e celando poi magari dietro a valanghe di “mi piace” e presunte foto spontanee di vita reale chi siamo davvero.

Qué pena tu boda [id.,Cile 2011] REGIA Nicolás López.
CAST Ariel Levy, Andrea Velasco, Lorenza Izzo, Paz Bascuñan.
SCENEGGIATURA Guillermo Amoedo. FOTOGRAFIA Antonio Quercia. MUSICHE Manuel Riveiro.
Commedia, durata 96 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly