adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

American Gigolo (1980)

sabato 16 Novembre, 2013 | di Giulia Zen
American Gigolo (1980)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE PAUL SCHRADER
“Le leggi le fanno gli uomini, e gli uomini sbagliano…”
Los Angeles. Una Mercedes Pagoda sfreccia sulle note di Call Me di Blondie. Chi non riconoscerebbe questa scena iniziale, annoverata tra le immagini cult della storia del cinema? American Gigolo, che consacra alla regia l’allora trentaquattrenne Paul Schrader – già sceneggiatore affermato – e lancia anche Richard Gere come stella del cinema e sex symbol, si inserisce in un periodo di stallo della Storia del Cinema.

Il 1980, infatti, è genericamente l’anno che segna la fine della New Hollywood, la cosiddetta “Hollywood Renaissance” di cui Schrader è stato una delle penne cardine. Ma allora in che contesto cinematografico va contestualizzato il personaggio di Julian Kayne? In realtà si può notare quanto la sua figura rientri coerentemente in un fil rouge: Julian è un ragazzo che si è allontanato da tutti gli affetti, per dedicarsi a una vita effimera, mediacritica_american_gigolo1aa suon di Armani e champagne. La sua meravigliosa bolla di sapone però scoppia: conosce Michelle, di cui si innamora, viene incastrato in un omicidio e tutti gli “amici” lo abbandonano, alcuni addirittura fautori essi stessi della trappola. Tutto il mondo gli crolla addosso e, senza accorgersene, precipita nell’oscurità. Travis (Taxi Driver) è un ventiseienne costantemente depresso, apatico, isolato dal mondo, disgustato dalla società che lo circonda. Per paradosso, cade nel peccato per perseguire ideali di giustizia e onestà. Wade (Affliction) è un uomo solo, burbero e aggressivo, la cui esistenza è stata rovinata da un padre violento. L’unico sentimento che è in grado di provare è un’immensa rabbia. Tutti e tre personaggi di Schrader, tutti e tre vittime della società, esistenze votate alla solitudine, all’allontanamento dagli affetti. Tentano in tutti i modi di redimersi, anche quelli illeciti, ma finiscono per sprofondare nella perdizione. In fondo, sono portatori di ideali positivi, ma il disprezzo verso il mondo che li circonda e alcune ferite mai rimarginate del passato li portano a riempirsi di superficialità, apatia, vendetta, arrivando a sporcare la propria anima con il gesto per eccellenza più peccaminoso, l’omicidio. Schrader non risparmia niente, non dà alcuna possibilità di redenzione, fatta eccezione per Julian, macchiato ma salvato dall’amore. A differenza degli altri personaggi per lui una possibilità di rinascita c’è. Il cinema non è più semplicemente un mezzo per mostrare o raccontare, ma si evolve in interrogazione critica, in dialettica di sentimenti, in connotazione empirica, in capacità dell’immagine in quanto tale di mettere in campo le più inconsce sofferenze dell’essere umano, attraverso il passaggio dalla quotidianità alla scissione, alla rottura. Ecco che allora l’io più nascosto esce allo scoperto e si rivela per quello che è. La macchina da presa è un occhio celato in un angolino, che segue silenziosamente il personaggio, quasi rappresentasse la sua coscienza.

American Gigolo [id., USA 1980] REGIA Paul Schrader.
CAST Richard Gere, Lauren Hutton, Hector Elizondo, Bill Duke.
SCENEGGIATURA Paul Schrader. FOTOGRAFIA John Bailey. MUSICHE Giorgio Moroder.
Drammatico/Thriller, durata 117 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly