adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La moglie del poliziotto

sabato 30 Novembre, 2013 | di Luca Giagnorio
La moglie del poliziotto
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

La violenza nascosta
Una famiglia normale, padre, madre e figlia piccola, ceto medio di provincia, apparentemente felici. Dietro le pieghe della vita quotidiana, ecco la violenza. Tra una percossa e l’altra tutto scorre normalmente: i giochi con la bambina, le passeggiate nel parco, un pranzo sereno tutti insieme, financo scherzi, baci, intimità tra i due coniugi. La quiete prima della tempesta che scoppia improvvisa, spesso per un motivo futile.

L’inquietante e apparente rimozione da parte di entrambi, violento e vittima, delle liti, delle urla, delle botte. L’aumentare dei lividi sul corpo di Christine scandisce lo scorrere del tempo, ma tutto continua come se niente fosse, mediacritica_la_moglie_del_poliziottofino a quando sarà troppo tardi. Philip Gröning (Il grande silenzio), costruisce una parabola che mette al centro il tema della violenza domestica, legandolo però indissolubilmente al tema dell’amore. L’amore che tra i due consorti è malato, possessivo, destinato all’autodistruzione, e tuttavia è un legame difficile da rompere, necessario a lui, ineluttabile per lei, assalita dall’unica persona capace anche di desiderarla e, a suo modo, di amarla. In tutto questo la piccola Clara, coccolata da entrambi, è l’inconsapevole ancora di salvezza del nucleo familiare: beneficiaria dell’affetto paterno e delle amorevoli attenzioni della madre, non potrà rimanere per sempre esclusa dalla verità oscura che domina nella casa, e l’innocente occhio infantile dovrà suo malgrado aprirsi sulla realtà così spaventosa da risultare quasi irreale. Groning conduce il suo racconto verso un finale aperto, che lascia margine all’interpretazione personale, ma non muta il respiro del film, mura domestiche che implacabili si chiudono sui loro ospiti, fino a soffocarli. Impossibile aspettarsi altro che tragedia. La moglie del poliziotto ha il merito di affrontare con il giusto distacco emotivo, senza mai scivolare in asettica freddezza, l’impervia tematica della violenza in famiglia, quella nascosta e più subdola, contemporaneamente fisica e psicologica. Tuttavia la forza del film è compromessa da una lunghezza eccessiva, in cui la dilatazione dei tempi appesantisce una narrazione già autonomamente faticosa e frammentaria per la scelta discutibile di Groning di una divisione del racconto, di “dogmatica” memoria, in cinquantanove (!) brevissimi capitoli. Di conseguenza, la scelta di per sé coraggiosa di non mostrare quasi mai i momenti di violenza risulta forse troppo frustrante per gli spettatori, chiamati a sobbarcarsi quasi tre ore di vita quotidiana di un’anonima famiglia in un’anonima provincia. Senza arrivare al voyeurismo di Kechiche con i suoi corpi nudi femminili, ci si potrebbe accontentare di un compromesso alla Miss Violence, a proposito d’inferni familiari e di film sicuramente più riusciti.

La moglie del poliziotto [Die Frau des Polizisten, Germania 2013] REGIA Philip Gröning.
CAST Alexandra Finder, David Zimmerschied, Pia e Chiara Kleemann.
SCENEGGIATURA Philip Gröning, Carola Diekmann. FOTOGRAFIA Philip Gröning. MUSICHE Andreas Donauer.
Drammatico, durata 175 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly