adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971)

sabato 28 Dicembre, 2013 | di Andrea Moschioni Fioretti
Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE FILM DI NATALE
Che sensazione di leggera euforia
Spesso le pellicole rivolte alle famiglie e nello specifico ai bambini nascondo venature ed atmosfere che rasentano l’horror e rielaborano le tendenze del tempo, diventando per gli spettatori più giovani fonte di piccoli traumi: Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato è una di queste, nonostante sia ancora un classico del cinema natalizio.

Tratta dal libro omonimo del cinico Roald Dahl, la pellicola di Mel Stuart è un perfetto esempio di cinema seventy, lontano apparentemente dal fervore e dalla rivoluzione della New Hollywood, anche se ne è in qualche modo “fratellastro”. Con le dovute eccezioni, fin dalla trama che vede elevarsi l’umiltà e la rivalsa del povero Charlie, Willy Wonka si può accostare alla ribellione di quel tempo,mediacritica_willy_wonka_e_la_fabbrica_di_cioccolato1a che vedeva – tra le tante tematiche – la voglia di abbattere il capitalismo e di far emergere i deboli, attraverso lo svincolo dalle regole e/o attraverso azioni eversive. Una variazione che bene sposa la struttura alla “dieci piccoli indiani” in cui, invece di essere uccisi, i bambini entrati insieme a Charlie nella fabbrica di Wonka vengono eliminati per il loro comportamento errato. Viene premiata la curiosità poco invasiva e rispettosa, mentre l’ingordigia è punita con seria crudeltà: chiaramente siamo di fronte ad un film rivolto ai giovani, e quindi la morale di fondo è politicamente corretta e sdolcinata. Altro aspetto affine è l’atmosfera psichedelica e allucinogena che aleggia nel film, soprattutto nelle sequenze all’interno della fabbrica. Il mondo di Wonka è pop, iper-colorato, invaso da aiutanti – i mitici Umpa Lumpa – e dolciumi che alterano la realtà e da macchinari che deviano in vie, come per esempio la sequenza nel tunnel che personalmente ricorda i “viaggi” di Easy Rider. Il Wonka stesso di Gene Wilder è un personaggio che parla con frasi strampalate e ha uno sguardo allucinato che inquieta non poco, soprattutto un bambino che si appresta a vedere il film per la prima volta, lontano anni luce da quello esagerato di Depp nel brutto remake di Burton. Realismo e fantasia che si mescolano con i connotati del genere horror: un mix di artisticità e sperimentazione come nel coevo Pomi d’ottone e manici di scopa, insieme a Mary Poppins di qualche anno prima, entrambi capisaldi della commistione tra cartoon e live action. Willy Wonka è anche musical, altro genere setacciato durante la New Hollywood, sempre con momenti di pura follia e alterazione degna della miglior scuola americana. Dahl non rimase contento della trasposizione perché esaltava la figura di Wonka a discapito del loser vincitore Charlie: del resto l’intera produzione dello scrittore ha sempre patteggiato per il mondo dei giovani, veri rivoluzionari e combattenti in un mondo dominato dalle azioni ignobili degli adulti.

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato [Willy Wonka & the Chocolate Factory, USA 1971] REGIA Mel Stuart.
CAST Gene Wilder, Jack Albertson, Peter Ostrum, Roy Kinnear, Julie Dawn Cole.
SCENEGGIATURA David Seltzer (tratta dal romanzo La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl). FOTOGRAFIA Arthur Ibbetson. MUSICHE Anthony Newley.
Fantastico/Musicale, durata 100 minuti.

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971)
4.2 5 84%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly