adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Things to do in 2014

mercoledì 22 Gennaio, 2014 | di Roy Menarini
Things to do in 2014
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

In un precedente editoriale, chi scrive ha provato a fare un consuntivo trasversale del 2013, pensando che tutto sommato non era un anno da buttare. E ora, invece, gettati i piatti vecchi dalla finestra, smontato l’albero di Natale, impacchettato il presepe, viene il momento migliore: quello delle promesse.

Sì perché il futuro è sempre meglio del passato, a meno di non essere malati di cupo pessimismo. E soprattutto il sottile piacere di immaginarsi un universo espanso in cui sapremo trovare il meglio (per noi) in termini di godimento estetico è impareggiabile. Lo sa chiunque ami oltre ogni cosa l’arte del trailer, tanto da trovarsi al cinema e pensare quasi sempre di aver voglia di vedere il film pubblicizzato sullo schermo invece che quello che sta per cominciare di lì a pochi minuti.mediacritica_Things to do in 2014 Questa imminenza perenne, per forza di cose, reca poi delusioni cocenti. Ma è anche un tratto tipico dei sognatori, e dei cinefili propositivi, quelli per cui il meglio deve sempre arrivare.
Esiste, allora, la possibilità di una playlist di quel che abbiamo voglia di vedere? Basta cominciare, e – listini sotto mano – c’è l’imbarazzo della scelta. Il sottoscritto, per esempio, nell’anno entrante attende con curiosità A proposito di Davis dei fratelli Coen, Her di Spike Jonze, The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson, un film dei tanti che sta montando Terrence Malick, Maps to the Stars di David Cronenberg, Dragon Trainer 2, un cenno qualsiasi da David Lynch, Sils Maria di Olivier Assayas, tutte le versioni di Nymphomaniac di von Trier, Labor Day di Jason Reitman, Que d’amour di Valérie Donzelli, Midnight Special di Jeff Nichols, robe varie che provengano da Judd Apatow e/o Seth Rogen, e chissà quante cose dimentico, oltre naturalmente al resto della stagione di The Walking Dead, la seconda di The Americans, la quarta di Downton Abbey (in Italia, s’intende), la quarta di The Killing, la prima di True Detective, il resto della terza e magari la quarta di American Horror Story, e – tanto per confessare un vero e proprio guilty pleasure – la seconda di Following, aspettandomi ovviamente un bel po’ di roba nuova di zecca.
Tutto accumulato a caso? Sì. Senza criterio? Esatto. Il tempo di gerarchizzare e ordinare, ovvero di fare anche un po’ di critica, viene dopo. L’entusiasta si bea della moltitudine, si esalta del sapere che non ce la farà. Gode dell’impossibilità di affiancare il proprio lavoro e tutte queste cose da vedere (anche se ha cercato di far coincidere professione e diletto), anche perché tutto intorno – vita privata a parte – c’è poi la letteratura, la saggistica, le riviste, i siti e i network, gli altri generi televisivi, le web series, i videogame, i fumetti, le mostre, il teatro, i dischi, i concerti, gli allegati culturali, i podcast radiofonici, le stazioni web, lo sport italiano e americano, la filosofia e la sociologia, la moda e le comunicazioni, i convegni e le tavole rotonde, i documentari e i telegiornali, la politica e gli esteri, le app e l’entertainment under 12, i social network e i blog…
Ah, e poi c’è anche il cinema italiano. Di cui aspetto per lo più il Leopardi di Mario Martone… Così tra questa immensità s’annega il pensier mio: e il naufragar m’è dolce in questo mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly