adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il gigante (1956)

sabato 8 Febbraio, 2014 | di Luca Giagnorio
Il gigante (1956)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

8 FEBBRAIO: OMAGGIO A JAMES DEAN
Il James Dean dimenticabile
Se nel destino di James Dean era scritto che la morte l’avrebbe colto mentre volava con la sua Porsche da corsa sull’U.S. Route 466, un caldo pomeriggio del settembre ‘55 sul finire delle riprese del film Il gigante, per “sua fortuna” era anche scritto che La valle dell’Eden e soprattutto Gioventù bruciata fossero già usciti nelle sale consegnando così al mondo l’icona James Dean, in un’aura d’immortalità che le sue sole capacità attoriali, o un corpo in futuro provato dai segni del tempo, mai avrebbero potuto conferirgli.

Dei tre film da protagonista che interpretò il ragazzo nativo di Marion, senza alcun dubbio Il gigante è il meno riuscito, oltre che quello, visto oggi, invecchiato decisamente peggio. Il regista premio Oscar George Stevens (Miglior Regia per Un posto al sole e proprio per Il gigante) racconta l’epopea dei Benedict, una famiglia di allevatori di bestiame da generazioni che dovrà fare i conti con un mondo in grande mutamento,mediacritica_il_gigante dove alle mandrie di buoi e cavalli si sostituiscono le trivelle per le estrazioni petrolifere. Coprotagonista il gigantesco (da cui il titolo) Texas, con i suoi paesaggi sconfinati, i suoi deserti, le sue disuguaglianze, i suoi razzismi. Il kolossal di Stevens sconta in primo luogo una lunghezza eccessiva (oltre le tre ore), che non stupisce viste le manie di grandezza del regista (basti pensare al biblico La più grande storia mai raccontata), e uno sviluppo eccessivamente programmatico nel condurci al finale accomodante e assolutorio. I temi messi a fuoco sono troppi (razzismo, scontro generazionale, relazioni sentimentali, cambiamenti economici e sociali) per poter sfuggire a banalizzazioni e semplicismi assortiti che la maestosità visiva non riesce a nascondere a uno sguardo contemporaneo. Il cast di divi nel fiore degli anni soccombe suo malgrado ai propri personaggi. La solita Elizabeth Taylor di una bruciante bellezza riesce a diventare incolore rinchiusa nello stereotipo della donna emancipata (solo a parole) dell’Est, le cui ribellioni verso l’autoritario e patriarcale marito si spengono presto in sterili scaramucce. L’attrice, dopo la passione non corrisposta per Montgomery Clift, sarà nuovamente sedotta dalla fragilità nascosta del sex symbol Rock Hudson (come Clift, omosessuale non dichiarato), attrazione ovviamente non corrisposta se non nella finzione cinematografica. James Dean non convince nell’interpretare un personaggio che si fa sempre più negativo mano a mano che la sua ricchezza aumenta, e che l’attore trasforma, gigioneggiando oltre ogni limite, in una macchietta, per quanto nel finale, ormai invecchiato e preda della solitudine e dei rimpianti, assuma una sua grandezza beffarda, come fosse un sarcastico flashforward di un possibile Dean cinquantenne, se la sua vita non fosse stata destinata alla leggenda. Chiude il quadro un giovanissimo Dennis Hopper, il cui spaesamento è forse preludio della ribellione a regole narrative stereotipate e contenuti moralistici che produrrà nel 1969 quel liberatorio manifesto della cultura hippy che è Easy Rider, o almeno, è questo che mi piace pensare.

Il gigante [Giant, USA 1956] REGIA George Stevens.
CAST Elizabeth Taylor, Rock Hudson, James Dean, Dennis Hopper.
SCENEGGIATURA Fred Guiol, Ivan Moffat. FOTOGRAFIA William C. Mellor. MUSICHE Dimitri Tiomkin.
Drammatico, durata 201 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly