adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Io non sono qui (2007)

sabato 8 Febbraio, 2014 | di Marco Longo
Io non sono qui (2007)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE VITE IN MUSICA
Deconstructing Dylan
Il titolo del quinto film di Todd Haynes presuppone una domanda ideale: “Dove sei? Dove ti trovi?”.Il regista la rivolge a Bob Dylan riconoscendo al personaggio-simbolo del Novecento una natura sfuggente e indecifrabile, e nel responso, sintetico e sibillino, che il grande cantautore sembra offrire allo spettatore, ecco immediatamente dissolversi il pericolo di un inflazionato – e rischiosissimo – biopic agiografico, per lasciare spazio a un vero e proprio viaggio, il tentativo di arrivare a una verità attraverso una fuga, un moltiplicarsi di specchi, uno spiazzamento zigzagante.

“Io non sono qui.” Non esistono strade maestre per comprendere Bob Dylan, per contenerne il ritratto. Esiste il coraggio di esplorare la sua vita secondo linee tematiche prima ancora che narrative (l’amore, la protesta, l’autodeterminazione, la religione, la solitudine), facendo corrispondere a ogni tratto del percorso un volto mediacritica_io_non_sono_qui1adiverso, una diversa età, una differente sfumatura di carattere. Sei personaggi in cerca di felicità, di affermazione, di equilibrio, intrecciano le loro brevi storie come sfaccettature complementari di un’unica grande anima divisa tra realtà, finzione e finzione al quadrato, quasi a dirci che l’immaginario intorno a Dylan non si ferma a un solo primo livello collettivo, ma scivola, penetra, si insinua dentro ciascuno di noi alla sua maniera, regalandoci l’originalissima impressione che molti momenti della vita, senza le note della sua musica, davvero non sarebbero mai stati nostri. Dylan non era lì, non fisicamente, si capisce, eppure c’era, fantasma prima che mito, presenza eternamente ancorata ai nostri istanti, immagine che si nutre del proprio dissolversi negli altri. Haynes lo sa bene: non ha senso ricostruire Dylan puntando all’intero, molto meglio dimostrare il suo frammentarsi nel mondo. Anche per questo Io non sono qui funziona molto meglio nell’episodio che nel quadro d’insieme, e forse così va accolto, con tutti i lampi attoriali che porta con sé: il sole in faccia a Richard Gere, Julianne Moore che diventa Joan Baez, una Charlotte Gainsbourg intensa anche quando indossa le parigine, Christian Bale già in pieno trasformismo, Heath Ledger che è uno spettro e più lo si osserva, più fa paura. Davanti a tutti loro, naturalmente, la prova iper-mimetica di un’androgina Cate Blanchett, indimenticabile nelle scene più riuscite del film (straordinaria la sequenza con Ballad of a Thin Man). Colonna sonora divisa tra pezzi originali – nessuna scelta scontata – e preziose reinterpretazioni. Questo e molto altro nel più felliniano dei film di Todd Haynes, che sperimentando in direzione dell’accumulo e della varietà cinematografica, ha il pregio indiscutibile di sfidare il sistema, i canoni, le semplificazioni. Proprio come Bob Dylan.

Io non sono qui [I’m Not There, USA 2007] REGIA Todd Haynes.
CAST Christian Bale, Cate Blanchett, Richard Gere, Heath Ledger, Julianne Moore, Charlotte Gainsbourg.
SCENEGGIATURA Todd Haynes, Oren Moverman. FOTOGRAFIA Edward Lachman. MUSICHE Randall Poster, Jim Dunbar.
Drammatico/Musicale, durata 135 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly