adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Grand Budapest Hotel

mercoledì 12 Febbraio, 2014 | di Patrizia De Lauretis
The Grand Budapest Hotel
Festival
0
Facebooktwittermail

64° Festival Internazionale del Cinema di Berlino, 6-16 febbraio 2014

ANTEPRIMA
Il giocoliere fantastico
Anderson sembra reclutare ad ogni suo film una schiera sempre più folta di ammiratori. Se siete tra loro, non abbiate paura di rimanere traditi: andate al cinema a vedere The Grand Budapest Hotel.

Dopo lunghe attese il film è atterrato su terra, portando con sé un cast d’eccezione che ha invaso il tappeto rosso nella sua serata d’apertura. Il film ha generalmente convinto, e c’è chi anzi già lo elegge a favorito nella filmografia del regista.mediacritica_the_grand_budapest_hotel Il Grand Budapest Hotel è prima di tutto un luogo: sperduto tra le montagne, costituisce un universo a sé di cui poco a poco riscopriamo la storia, piena di mistero e avventura, ma anche tenerezza e comicità. Quest’universo è sempre più costruito, artificiale e perfetto. Ogni immagine basterebbe a se stessa nella sua bellezza. E ogni personaggio, per quanto possa apparire di sfuggita, costituisce un’opera d’arte ritrattista. Poco a poco i personaggi spuntano costituendo gag spassose, abitando luoghi incantevoli e magici come immagini di sogni infantili. Ma oltre al sogno troviamo la realtà, che è convincente e appassionante, e ci stimola con continui colpi di scena. Scopriamo così un intreccio di storie d’amore, furti e assassini… Con questo film Anderson è riuscito in quello che risulta spesso impossibile, ciò che si richiede a chi allo stesso tempo gestisce un capitale astronomico e l’ideale di un cinema che si vuole diverso. Il regista sa come utilizzare le sue finanze senza tradire gli spettatori. Grazie alla sua capacità nel creare mondi e personaggi con una poesia e potenza visiva che superano ogni limite, le risorse spese nella costruzione maniacale di set perfetti e di un cast stratosferico si rivelano fruttuose. D’altra parte, il principio del suo cinema rimane costante. Forse i suoi protagonisti non sono più totalmente ‘weird’ come in passato, e la comicità si è fatta più concreta, con gag che possono sembrare alle volte prevedibili. Ma che importa? Non gioca anche su questo la vena comica, con le sue ripetizioni, i suoi cliché che ci regalano immancabilmente un sorriso? A chi avesse criticato il regista proprio per la costruzione di mondi così perfetti e distanti, questo film mostra che la convivenza del fantastico con l’attualità è possibile. Le allusioni a varie questioni di politica e storia contemporanea non sono solo gustose, ma rendono possibile un’altra tra quelle qualità che in così pochi hanno: mantenere un tono spensierato e allegro e allo stesso tempo non ignorare totalmente la realtà contemporanea. Con una delicatezza comparabile a quella dei dolci di Mendl’s (protagonisti anche loro), The Grand Budapest Hotel delizierà quasi ogni palato, lasciando l’acquolina in bocca e il desiderio di concedersi un ghiotto bis… rigustandosi il film una seconda volta.

The Grand Budapest Hotel [id., USA/Germania 2014] REGIA Wes Anderson.
CAST Ralph Fiennes, Edward Norton, Bill Murray, Saoirse Ronan, Tilda Swinton, Jude Law.
SCENEGGIATURA Wes Anderson. FOTOGRAFIA Robert D. Yeoman. MUSICHE Alexandre Desplat.Commedia, durata 100 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly