adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’enciclopedia del critico

giovedì 20 Febbraio, 2014 | di Roy Menarini
L’enciclopedia del critico
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Mentre scrivo queste righe, sta per aprirsi a Bologna un convegno – l’ennesimo (può permettersi di dirlo chi scrive, che ne è l’organizzatore) – dedicato alla critica cinematografica. Per puro caso, nelle stesse ore, si terrà al Piccolo Teatro di Milano un incontro simile, concentrato sulla critica teatrale, e in parte letteraria. Le premesse di entrambi i consessi sono le medesime: che cosa è cambiato con l’avvento del web? Che risultati trarre dall’avvicinamento sempre più evidente tra competenza/reputazione del singolo e affidabilità delle testate? Quale valore attribuire alla democratizzazione del giudizio?

Si tratta di questioni più volte affrontate, anche qui su Mediacritica. Anzi, questo stesso soggetto online è la risposta alle resistenze che ancora albergano nei confronti della critica non cartacea o comunque non “autorizzata”. mediacritica_l_enciclopedia_del_criticoRimane, tuttavia, uno scoglio – di cui non ci eravamo del tutto accorti – che speriamo emerga in questi convegni, e magari anche nel dibattito generale. Mi spiego: fino ad oggi la gran parte delle preoccupazioni nei confronti della critica “dal basso”, indipendente e autarchica, o della quantità di recensioni vaganti sul web, era l’enciclopedia del critico, la sua competenza storiografica, la sua formazione. Mediacritica è nata cercando di dare una risposta a questi dubbi, come progetto formativo, e poi si è trasformata in testata quando i suoi membri sono stati (e si sono) considerati maturi per procedere con autorevolezza a coprire uno spazio editoriale.
Mi sembra che la battaglia non sia vinta di per sé (ancora tanti sono i siti dove si leggono sconcezze e superficialità), ma il problema si è posto e ha portato a una evidente maturazione della scrittura online. Ora se ne apre un altro – lo scoglio di cui parlavo: su quali basi giudichiamo un film?
Non basta conoscere la storia del cinema, essersi dotati di un canone, reputarsi più o meno cinefili. Ci vuole anche un bagaglio estetologico, una riflessione sui propri giudizi di valore, un’idea di dove collochiamo il prodotto cinematografico in un contesto culturale. Questo nodo, sia chiaro, è quello della critica in generale. E tutte le volte che ci si è – giustamente – scagliati contro le insufficienze della critica quotidianista, era per protestare contro l’arretratezza metodologica dei titolari di rubrica. Una volta superata la generazione dei critici eruditi (da Cosulich – ancora in attività – a Kezich, da Casiraghi a Moravia), è stato difficile sostituirla con un’altra dagli strumenti ammodernati e contemporanei. Ed è lì che è nata la diarchia con la critica specializzata, e in un secondo tempo con la critica web.
Ma quest’ultima, appunto, è dotata di quegli strumenti? In buona sostanza: sa quel che fa? Senza un sostrato di letture forti intorno all’estetica, alla sociologia dei media, alla filosofia delle arti, si può certamente fare buona critica ma difficilmente ambire ai livelli più alti. Non si chiede di seguire ossessivamente il dibattito, spesso torrenziale, di ambiti disciplinari contigui. Eppure, specialmente oggi che un film abita un ecosistema mediale molto complesso e spesso intrecciato, essere fermi a Eco e McLuhan, con pallide reminiscenze universitarie, non è di grande aiuto.
A volte fermarsi qualche mese per un pit stop di teoria e metodologia può rivelarsi a dir poco rigenerante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly