adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

300 – L’alba di un impero

sabato 8 Marzo, 2014 | di Mattia Filigoi
300 – L’alba di un impero
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

O al cinema o mai più
Mentre alle Termopili Leonida e i suoi 299 palestrati spartani discutono animatamente con i soldati di Serse su chi ce l’ha più lungo, a Capo Artemisio l’ateniese Temistocle affronta l’immensa flotta persiana con uno sparuto numero di triremi, sfruttando però appieno il campo di battaglia con i suoi scogli affilati e le strettissime insenature.

300 – L’alba di un impero racconta gli avvenimenti accorsi in contemporanea a quanto visto in 300, mostrando l’equivalente navale della battaglia delle Termopili e introducendo nuovi personaggi, tutti realmente esistiti, ma dalle imprese e dalla vita totalmente riscritte e inventate a uso e consumo della spettacolarità e di quel discorso sulla vendetta violentamediacritica_300-l'alba-di-un-impero che è il trait d’union della maggior parte delle opere fumettistiche di Frank Miller, non solo delle graphic novel da cui sono tratti i film (300 per il primo e Xerxes per questo, che, caso forse unico, non è stato ancora completato). Su tutti, la comandante della flotta di Serse, Artemisia, che veramente si scontrò con Temistocle e che, pare, fosse una donna saggia e rispettata, qui diventa una sexy psicopatica cui piace baciare le teste degli uomini che ha appena decapitato, risultato di un’infanzia a base di stupri e pestaggi perpetrati dai greci. E’ lei, incarnata da Eva Green, la vera protagonista del film, decisamente più interessante del paladino della democrazia Temistocle, lei, la sua ferocia e il suo corpo mozzafiato, divisa tra sete di vendetta e rispetto/amore per il suo avversario, tanto da arrivare anche a dargliela per cercare di convincerlo a passare dalla sua parte. Scena pazzesca tra l’altro, questa, una scopata rabbiosa e frenetica dalle tendenze sadomaso, roba che vale la pena vedere il film solo per questi pochi minuti. Questi, e quelli delle battaglie, che per fortuna occupano il grosso del minutaggio: il regista Noam Murro non si distanzia dall’estetica di Snyder e del primo 300, costruendo scene di guerra ricolme di rallenti e accelerazioni, stilizzate nella continua e ricercata rappresentazione della violenza estrema, che oramai saranno anche un po’ abusate e viste in mille salse, ma che ancora esaltano lo spettatore. Quanto meno al cinema: sarà ovvio e risaputo, ma 300 – L’alba di un impero punta tutto sullo spettacolo, e bene o male vince la sua scommessa, se fruito adeguatamente. Nel buio della sala avvolti dalle immagini di uno schermo gigante e dai suoni del dolby, si passa sopra agli strafalcioni storiografici (che servono solo come pretesto), ai soliti pipponi nazionalisti sul dare la vita per la patria e la libertà che funestano ogni inizio battaglia, o a pisciate fuori dal vaso come quando Temistocle, in sella al suo cavallo, saltella di nave in nave smembrando persiani nel contempo. Visto in tv, per quanto lo schermo sia grande, mi sa che L’alba di un impero più che interesse genera risate. Al cinema, è un dignitosissimo filmazzo d’azione.

300 – L’alba di un impero [300: Rise of an Empire, USA 2014] REGIA Noam Murro.
CAST Sullivan Stapleton, Eva Green, Lena Headey, Rodrigo Santoro, Hans Matheson, Callan Mulvey, Jack O’Connell.
SCENEGGIATURA Zack Snyder, Kurt Johnstad (tratto dalla graphic novel Xerxes di Frank Miller). FOTOGRAFIA Simon Duggan. MUSICHE Junkie XL.
Azione, durata 102 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly