adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

V.o., questa sconosciuta

mercoledì 12 Marzo, 2014 | di Anna Bertolli
V.o., questa sconosciuta
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

L’Italia è la patria del doppiaggio. Il nostro Paese ha una tradizione consolidata, un buon numero di professionisti (anche se non poi così alto, visto che nei titoli di coda compaiono sempre i soliti cognomi, quelli delle “stirpi” dei doppiatori, come vuole consuetudine tutta italiana).

Chi frequenta i festival di cinema, chi segue una serie televisiva straniera con una passione tale da non poter attendere la versione – doppiata – italiana delle puntate, si confronta da tempo con le versioni originali sottotitolate, da noi pressoché inesistenti, sia in sala che in televisione.
La domanda è semplice: meglio un bravo doppiatore, capace di ri-creare l’anima di un personaggio e fare innamorare della sua versione molti spettatori, o la voce originale dell’interprete di un film?mediacritica_vo_questa_sconosciuta
Certa di non essere la prima a pormi la questione, faccio un giro sul web e scopro che tre anni fa a occuparsi del tema è un’illustre firma del Corriere della Sera, Sergio Romano. Con stupore, leggo che sta dalla parte del doppiaggio. Spiega dapprima le ragioni storiche dell’affermazione di questo uso in Italia: la incompleta alfabetizzazione del dopoguerra e l’uso di attori non professionisti del Neorealismo, da doppiare in fase di post-produzione. Vero che la conoscenza delle lingue non è favorita da questo fenomeno, ammette Romano, ma l’industria del doppiaggio italiano è di tale qualità che il lato negativo può passare in secondo piano. Due esempi da lui addotti lascerebbero poche obiezioni: Oreste Lionello, voce di Woody Allen e Bruno Persa per Humphrey Bogart.
Ferruccio Amendola, aggiungo io alla lista. Ma obietto lo stesso. Credo che per quanto adatte, affascinanti, le voci italiane rubino la vera anima di un personaggio e l’intenzione dell’attore che lo interpreta. Lo spettatore italiano apprezza sicuramente un buon doppiatore, ma non può sapere se preferisce lui o l’originale, semplicemente perché gli è sottratta la possibilità del confronto.
Penso anche che al giorno d’oggi, quando l’alfabetizzazione non è più un problema – con alcuni margini di dubbio, ma certo il livello non è più quello del dopoguerra – i tempi siano maturi per cambiare rotta, o almeno per aprire più strade.
“Ma che fatica leggere i sottotitoli. Finisce che leggo e non vedo il film!” Quante volte l’ho sentito dire! Ma che bello, dico io, fare quel piccolo sforzo e capire che una volta abituati alla versione originale, non se ne riesce a fare a meno. Che le orecchie e la mente si adattano a una lingua straniera quanto più la si frequenta. Che quella frase, in fondo, ha senso solo se pronunciata e ascoltata in lingua originale.
Non vale forse la pena, in questo Paese in cui il cambiamento viene di continuo invocato ma prima di tutto temuto, scommettere su una via nuova? Riconoscere il valore del passato, ma concedersi la libertà di pensare a un presente e un futuro diversi?
La tecnologia, negli anni, ha dato il suo contributo: i DVD, con traccia audio originale. Restano da convincere esercenti e distributori per quanto riguarda le sale. Obiettivo arduo, direi: avanti i coraggiosi!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly