adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Evento e ripetizione

mercoledì 16 Aprile, 2014 | di Roy Menarini
Evento e ripetizione
Editoriale
0
Facebooktwittermail

Che cosa differenzia un evento unico da vivere in diretta e un evento mediale ripetibile? Facile: nel primo caso se te lo perdi sei fregato e nel secondo puoi sempre recuperarlo. Ma la verità non è così semplice. Facciamo alcuni esempi. È abbastanza ovvio che se io il 13 luglio prossimo non vedrò la finale dei mondiali in diretta potrò esclusivamente ambire a due spiegazioni: non me ne importa nulla del calcio oppure sarò stato così stupido da perderlo.

In questo secondo caso, il 14 luglio verrò tagliato fuori da molti discorsi, a meno di addurre una giustificazione davvero sorprendente (“ero a cena con Christina Hendricks” potrebbe funzionare). Ma è meno ovvio che se non seguo un evento mediale prolungato e importante io sia giustificato e possa recuperarlo con calma. mediacritica_evento_e_ripetizione
Questo apartheid lo stanno vivendo, per esempio, tutti coloro che come il sottoscritto non hanno ancora visto True Detective. Provate a dire all’interlocutore mesmerizzato dalla prima stagione della serie che, sì, lo vedrete ma c’è tempo, non era mica una diretta, e dunque non siete ancora tagliati fuori da nulla. La pressione si farà intensa, il capannello dei true-detectivizzati tenderà a escludervi, gli amici più geek enfatizzeranno le loro ricerche sui siti americani per avere notizie sulla seconda stagione, e tra loro citeranno anche il già celebre piano-sequenza dell’episodio Who Goes There dandosi manate sulle spalle per la soddisfazione, e così via.
Difficile poi fingere di averlo visto. Da ragazzino – doveva essere il 1984 o giù di lì – finsi di aver visto Suspiria in TV la sera prima, come tutti i miei compagni di classe. E invece mia mamma me lo aveva impedito. Sfortuna volle che uno di loro mi chiedesse come finiva, visto che il suo televisore si era spento a causa di un blackout. Non seppi che dire, facendo una figuraccia. Da allora non mento più su quel che ho visto oppure no. Ma anche solamente dare la sensazione di pigrizia per non aver ancora scaricato True Detective attira disdoro culturale.
E allora – tornando a discorsi generali – il problema oggi è che di cose “imperdibili” secondo gli appassionati ce ne sono molte, nel mondo dell’audiovisivo. Un tempo eri a posto con alcuni grandi film, il calcio, Sanremo, e poco altro. E, da umanista erudito, seguendo il cinema d’autore e la letteratura francese facevi già una bella figura. Ora, anche a causa delle sacrosante acquisizioni dell’estetica contemporanea, sono crollati tutti i muri, e a far la figura del conservatore o del matusalemme ci si mette pochissimo. Troveremo sempre uno che scavalca a sinistra: “Come, vedi le serie tv e non gli show sul makeover? Poveraccio…”, “Vuoi dirmi che ti piace Apichatpong Weerasethakul? Ma vediti piuttosto Pen-ek Ratanaruang, che se la tira di meno ed è bravo uguale…”, “Cioè, non sei mai venuto al festival di Telluride? E i festival li studi pure…”, “Non vorrai accontentarti di The Pills? Sul web c’è di tutto, caro mio, muoviti e cerca in giro…”, “Vatti subito a vedere inedito in DVD I Spit on Your Grave 2, molto meglio del primo che hai citato ieri…”.
Si perdoni lo spirito un po’ vacanziero e pasquale di queste righe. Ma si sappia che, con qualche gentilezza in più da parte degli interlocutori, i dialoghi sopracitati si sono tutti svolti realmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly