adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

FEFF16: un ottimo passaggio verso il futuro

giovedì 8 Maggio, 2014 | di Michele Senesi
FEFF16: un ottimo passaggio verso il futuro
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Se la scorsa edizione del Far East Film Festival di Udine era stata particolarmente rappresentativa di
ciò che è e accade nel cinema asiatico, questa sedicesima tappa è stata una sorta di percorso di
transizione nonostante avesse una quantità di titoli qualitativamente rilevanti sopra la media.

Quindi assenza di una retrospettiva (sostituita da un pacchetto di restauri trasversali ai Paesi), assenza di horror puri e di un horror day (ormai da anni, certo), ma avvento di una rappresentanza di documentari di alterna fattura e interesse e posizionamento dei film nel palinsesto a blocchi abbastanza netti; il primo fine settimana era votato al cinema di Hong Kong, il finale a titoli coreani.mediacritica_feff16 Nel mezzo si faceva notare una quasi assenza preoccupante del cinema thailandese (un Paese sempre molto rappresentato nel palinsesto) con un solo titolo e una sovrabbondanza di opere filippine a sottolineare una sorta di new wave che non trovava assolutamente riscontro nei titoli presentati. I due colpi più robusti sono arrivati da opere prelevate con lungimiranza dal Festival di Berlino; l’Orso d’Oro di Black Coal, Thin Ice fa rima con il Leone d’Argento del 2011 a People Mountain, People Sea e il significato è abbastanza lapalissiano; quando il cinema cinese si allontana dai blockbuster ipereffettati, veri (e legittimi) atti di guerra contro Hollywood e produce un cinema indipendente più tagliente riesce a sfornare capolavori. Processo che avviene in effetti in ogni cinematografia dove i grandi film perdono anima in virtù di un pubblico di massa e i piccoli oggetti sono ancora vivi e vitali. Non è andata sempre così però e il cinema di Hong Kong del ventennio ’80/’90 ce l’ha rimarcato più volte, quando anche i kolossal potevano essere, e spesso lo erano, anche coraggiosi e intelligenti. Da Hong Kong infatti (e sempre dal Festival di Berlino) arrivava l’altro diamante dell’edizione, il The Midnight After di Fruit Chan, opera immensa, complessa e frastornante e un altro titolo robusto, l’Aberdeen di Pang Ho-cheung che dopo un pugno di regie di successo ma più esili e grossolane con questo film rivela la mano dei grandi autori. Altra sorpresa, Tamako in Moratorium, nuova regia dell’autore di Linda Linda Linda, oggetto intimo e delicato, personalissimo nella progressione narrativa, unico tra decine di oggetti romantici o sentimentali a innalzarsi e differenziarsi dalla media. Ottima la rappresentanza coreana con lode per i riusciti The Terror Live e il remake Cold Eyes e abbondante sufficienza per l’altalenante Broken e uno dei vincitori del Festival, The Attorney. I due film di Dante Lam erano uno una inattesa delusione (That Demon Within) e l’altro una inaspettata sorpresa (Unbeatable). Primo premio all’intenso The Eternal Zero che, toccando il tema dei kamikaze, ha prodotto opinioni accese e contrapposte (e pretestuose) al Festival come in patria.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly