adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Improvvisamente l’estate scorsa (1959)

sabato 10 Maggio, 2014 | di Francesco Grieco
Improvvisamente l’estate scorsa (1959)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE FERMATI O MAMMA SPARA!
Psichiatria portami via
Il cinema americano ha già affrontato in film come Delitti senza castigo il tema dei problemi psichiatrici, ma Improvvisamente l’estate scorsa conta sul testo di partenza di Tennessee Williams e sulla regia dell’ottimo Joseph L. Mankiewicz, autore di un altro, splendido, confronto/scontro tra due donne, Eva contro Eva. Ciononostante, allo smaliziato spettatore contemporaneo, certe derive psicanalitiche, molto in voga all’epoca, possono risultare datate. Il film di Mankiewicz, comunque, è ancora molto godibile.

Basterebbe il cast composto da tre pezzi da novanta come Taylor, Hepburn e Clift, con quest’ultimo costretto a un ruolo da dottore impassibile, ma ugualmente efficace. E la Taylor, fotogenia pura, incapace di nascondere la propria bellezza persino nella parte iniziale, dove il suo personaggio, Catherine, è internato nella clinica psichiatrica St.Mary’s. Quando si trasferisce nel (relativamente) più liberale ospedale di stato Lions View, sotto le cure del dottor John Cukrowicz (Clift),mediacritica_improvvisamente_l_estate_scorsa1a può vestirsi e truccarsi come vuole e si immagina facilmente che il suo primissimo piano nella scena in cui viene sedata con un’iniezione, visto al cinema, sia stato un momento estetico indimenticabile per i cinefili dell’epoca. La Hepburn, invece, affronta da par suo la parte della terribile Violet Venable, la mamma che nessuno vorrebbe avere. Il lampo di follia che le illumina il volto, sin dal primo colloquio con Cukrowicz, fa paura, proprio come i momenti in cui interrompe, inaspettatamente, le frasi appena iniziate e il suo sguardo sembra perdersi nel vuoto. Da quando chiede a Cukrowicz di lobotomizzare la nipote Catherine, è lei il personaggio-motore dell’azione. Compare in scena su un bizzarro ascensore, allo stesso modo in cui ne esce, con le ombre – quante ce ne sono in questo pseudo-noir dal lieto fine! – che le oscurano il viso. Quando non parla del figlio Sebastian, morto in circostanze misteriose l’estate precedente, dopo aver visto “la faccia di Dio”, Violet si lancia in discorsi macabri e filosofeggianti sull’esistenza, ed è lì che la penna di Williams si fa sentire. Lo scrittore è anche la fonte da cui sono nati Un tram che si chiama desiderio di Kazan, con un altro bel personaggio di donna fragile psicologicamente, e La gatta sul tetto che scotta di Brooks, interpretato dalla Taylor l’anno prima del film di Mankiewicz. Morbide carrellate, piani sequenza, violini vagamente herrmanniani, barocchismi visivi ben dosati sono la cifra stilistica di questo film morboso e claustrofilo, quasi tutto in interni. Dalla Hollywood in transizione verso il moderno delle vagues, grazie anche ai film di Penn, viene il progenitore più stilizzato di molti film di Polanski.

Improvvisamente l’estate scorsa [Suddenly, Last Summer, USA 1959] REGIA Joseph L. Mankiewicz.
CAST Elizabeth Taylor, Katharine Hepburn, Montgomery Clift, Albert Dekker.
SCENEGGIATURA Gore Vidal, Tennessee Williams (tratta dall’omonima pièce di Tennessee Williams). FOTOGRAFIA Jack Hildyard. MUSICHE Malcolm Arnold, Buxton Orr.
Drammatico, durata 114 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly